Manifesta 12 chiude i battenti: ecco i numeri ufficiali della biennale | Foto :ilSicilia.it
Palermo

I dati sono stati diffusi dall'organizzazione

Manifesta 12 chiude i battenti: ecco i numeri ufficiali della biennale | Foto

8 Novembre 2018

Guarda le foto in alto 

La “Biennale nomade” di arte contemporanea Manifesta 12 ha chiuso in battenti, come da programma il 4 novembre, con una cerimonia in tono minore, per rispetto alle vittime del maltempo registrate a Palermo e con il passaggio formale ai rappresentanti culturali della prossima sede che sarà Marsiglia.

manifesta 12

I dati diffusi da “Manifesta” e dal comune di Palermo per i circa cinque mesi delle esposizioni della XII edizione, intitolata  “Planetary Garden – Cultivating coexistence“, contano 483.712 visite in 145 giorni di apertura al pubblico.

Tra luoghi istituzionali e non, venti in tutto, come chiese, oratori, giardini pubblici e antichi palazzi nobiliari, molti dei quali riaperti al pubblico l’occasione, sono stati installati anche 71 progetti tra gli Eventi Collaterali, ai quali si sono affiancati quelli della “nuova costola” del programma 5x5x5; non ultime le proiezioni di film all’arena La Sirenetta, anche questa riaperta per l’occasione, e al Teatro Garibaldi.

Entrando nel dettaglio del numero dei singoli visitatori, “Manifesta” stima sia sui 206.456 persone: il 67% delle quali sono arrivate dall’Italia, il 19% da uno dei Paesi dell’Unione Europea e il 14% da altri Paesi.

Oltre 20 mila coloro che, nei due anni di attività preparatoria alla biennale, hanno partecipato al programma del dipartimento Educazione di Manifesta 12, tra cui 72 associazioni locali e 34 scuole pubbliche di Palermo.

Manifesta 12

I giardinieri (gli addetti alle visite) di Manifesta 12 hanno condotto 822 visite guidate, oltre i tour gratuiti per le scuole e associazioni civiche, ottenendo l’ottimo risultato di 8.925 persone coinvolte nei tour.

Nel corso dell’anno, inoltre, sono state cinque le pubblicazioni prodotte.

Numeri, comunque, che non possono essere confrontati con le scorse edizioni di Manifesta Biennial, avendo proposto un progetto curatoriale sperimentale e avendo dilatato l’apertura dell’edizione palermitana.

A fine ottobre, l’Istituto Nazionale di Statistica Istat ha presentato un dossier dedicato a Palermo Capitale della Cultura e Manifesta 12, cercando di individuare l’impatto che questi eventi hanno avuto sui flussi turistici.

piazza magione manifesta

I dati dffusi contano un numero quasi raddoppiato di presenze di visitatori internazionali, e un aumento della partecipazione dei cittadini ad attività culturali che mette Palermo e i palermitani al di sopra della media nazionale.

La biennale, infine, ha visto all’opera un gruppo di 40 professionisti, sia italiani che internazionali, e oltre 100 volontari.

 

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.