Manifesta 12: le immagini dell'inaugurazione | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

A piazza Magione luogo simbolo della città

Manifesta 12: le immagini dell’inaugurazione | VIDEO

di
19 Giugno 2018

Guarda il video in alto 

PALERMO – Dal prato di Piazza Magione, luogo simbolo per la città, si è svolta l’apertura ufficiale di Manifesta 12, la biennale nomade di arte contemporanea che si svolgerà fino al 4 novembre, presente con 31 nuovi progetti in 22 luoghi scelti per la mostra curata.

Leoluca Orlando

Alla serata inaugurale tante le cariche istituzionali presenti: tra gli altri l’ambasciatore dei Paesi Bassi in Italia Joep Wijnands, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore alla Cultura del Comune Andrea Cusumano, il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, l’assessore al Turismo, Sport e Spettacolo Sandro Pappalardo, la presidente di Manifesta Biennial Hedwig Fijen, e Roberto Albergoni, presidente della Fondazione Manifesta 12 a Palermo.

Dalle battute in dialetto siciliano dell’ambasciatore alla soddisfazione espressa dal Sindaco per il risultato ottenuto, l’apertura della Biennale a Palermo ha voluto ancora una volta testimoniare il processo di svecchiamento dell’immagine della città agli occhi del resto del mondo e dei palermitani stessi.

La presenza di una manifestazione fondata sull’arte, per la prima volta a Palermo, è un’occasione unica per aprire gli orizzonti culturali e attribuire il giusto valore al patrimonio di varia natura, in generale, che rende questa città unica.

Il cambiamento profondo necessita di tempi lunghi, come ribadito da Orlando durante il suo intervento ma è chiaro, oggi più che mai, che “nessuna cosa è facile ma tutto è possibile“.

Il pomeriggio, prima dell’incontro a Piazza Magione, per le vie del centro, da Piazza Pretoria fino al Foro Italico, si è svolta la performance di apertura di Manifesta 12, curata dall’artista Marinella Senatore che ha coinvolto più di 300 artisti provenienti da tutta la Sicilia.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.