Manifesta 12: oltre cento appuntamenti tra Collateral Events e il progetto 5x5x5 | Videoservizio :ilSicilia.it
Palermo

Progetti da tutto il mondo

Manifesta 12: oltre cento appuntamenti tra Collateral Events e il progetto 5x5x5 | Videoservizio

di
17 Giugno 2018

PALERMO – A fare da corollario attivo al fitto programma realizzato dai 48 artisti, di vari settori, per la “mostra curata” di Manifesta 12, la biennale nomade di arte contemporanea che ha aperto i battenti ufficialmente il 16 giugno e che si protrarrà fino al 4 novembre, si trovano i 71 appuntamenti definiti Collateral Events.

Manifesta 12 Collateral Andrea Cusumano

Più di 600 le candidature pervenute da tutto il mondo e da tutti i settori che hanno presentato un solido progetto culturale, di taglio interdisciplinare, con l’obiettivo di favorire scambi a lungo termine e networking tra le comunità culturali di Palermo e la variegata rete internazionale di artisti, gallerie, accademici e istituzioni educative di Manifesta.

Palazzi barocchi, capolavori di architettura normanna, laboratori artigianali, molti dei quali finora non aperti al pubblico, e ancora piazze, fontane monumentali e interi quartieri ospiteranno numerosi laboratori collettivi, performance, mostre pubbliche e installazioni, e si apriranno alla curiosità attiva di cittadini e addetti ai lavori.

Costola inedita“, invece, della Biennale è il programma 5x5x5 che coinvolge quartieri, strade e scuole, chiese storiche, residenze e palazzi privati, ognuno dei quali è testimonianza dalla storia multiculturale della città, la cui somma dà forma alla Palermo che oggi conosciamo.

Paolo Falcone

La giuria, composta da professionisti dell’arte tra cui Paolo Falcone (nel video l’intervista), ha valutato i progetti ricevuti fra le 188 proposte, selezionandone 15, suddivisi in 5 artisti, 5 istituzioni accademiche e 5 gallerie, riunendo così il programma 5x5x5 (qui l’elenco con il programma completo).

Gli artisti e i collettivi di artisti selezionati parteciperanno a residenze in spazi pubblici e privati in tutta la città di Palermo con la partecipazione della comunità locale. Gli studi degli artisti saranno aperti al pubblico e culmineranno in un progetto o presentazione finale, spesso sotto forma di mostra o di performance. I progetti educativi, invece, prevedono workshop, seminari e forum, col supporto di istituzioni educative e accademiche internazionali.

Prestigiose gallerie della scena nazionale e internazionale, infine, ospiteranno mostre pop-up, ampliando la prospettiva artistica e lo sguardo sulla città.

Woven Skin - Claudy Jonstra

Il programma 5x5x5 sarà un ulteriore opportunità per vivere Palermo, come auspicato dai progetti elaborati dagli attori coinvolti di diversa provenienza tra cui Egitto, Inghilterra, Finlandia, Germania, Italia, Qatar, Mauritius, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Tunisia e Turchia.

Durante la presentazione dei Collateral Events e del programma di 5x5x5, all’interno della Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, abbiamo sentito in anteprima alcuni degli rappresentanti degli artisti o dei collettivi attivi in città, tra cui Claudia Buccellato, fondatrice di Past Forward, che ha portato in città l‘opera “Woven Skin” dell’artista olandese Claudy Jonstra.

Per il gruppo 5x5x5, invece, Maria Inès Plaza Lazo, rappresentante della Galleria Exile di Berlino ci ha parlato di Summer Camp, installazione che ha coinvolto il mercato di Ballarò.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin