Manifesta 12, presentati i primi artisti e le nuove sedi coinvolte | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

Dal 16 giugno al 4 novembre

Manifesta 12, presentati i primi artisti e le nuove sedi coinvolte | FOTOGALLERY

di
27 Aprile 2018

Dopo la presentazione dei progetti selezionati per il programma 5x5x5 le ultime anticipazioni su Manifesta 12, la biennale nomade europea di arte e cultura contemporanea che si svolgerà a Palermo dal 16 giugno al 4 novembre, riguardano i nomi degli artisti e le nuove sedi che verranno coinvolte.

palazzo-ajutamicristo

Oltre a quelle già note, Teatro Garibaldi, Orto Botanico, piazza Magione, Chiesa dei SS. Euno e Giuliano e Palazzo Butera, ad ospitare i 30 nuovi lavori tra installazioni pubbliche, performance e interventi urbani, saranno il quartiere Zen con il progetto del giardino urbano, Pizzo Sella, Palazzo Forcella De Seta, Palazzo Ajutamicristo e Palazzo Costantino.

Per quanto riguarda gli artisti è confermata la brasiliana Maria Thereza Alvez che proporrà un’installazione a Palazzo Butera dedicata al sincretismo floreale proprio della Sicilia; il pioniere della performance art contemporanea in Nigeria Jelili Atiku che realizzerà una performance processionale per le vie della città (15 giugno); il paesaggista e filosofo contemporaneo francese Gilles Clément, che ha ispirato l’intera biennale con il suo libro “Il giardino Planetario“, il quale in collaborazione con lo studio di progettazione multidisciplinare Coloco, ha ideato un giardino urbano nel quartiere Zen.

palazzo-costantino

E ancora il collettivo londinese Cooking Sections e la ricerca sui sistemi agricoli di irrigazione a secco; l’artista irlandese di computer grafica in tempo reale John Gerrard che presenterà i suoi lavori tra Palazzo Ajutamicristo e Palazzo Forcella De Seta; l’artista svizzero Uriel Orlow con la sua video installazione a Palazzo Butera incentrata sul valore della memoria e sul potere evocativo della botanica; il visual artist e direttore artistico della Riwaq Biennale, Khalil Rabah, che riprodurrà all’Orto Botanico un mercato di diversi manufatti, assemblaggi e sculture; il collettivo belga di architetti Rotor, curatori dell’intervento urbano nell’area di Pizzo Sella.

Due, infine, i nomi italiani: Marinella Senatore, di origini campane, che proporrà una processione urbana (16 giugno), un movimento collettivo in danza per le strade del centro storico di Palermo e Giorgio Vasta, scrittore e sceneggiatore palermitano, con il progetto City Scripts, un’applicazione digitale dedicata alla narrazione della città.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin