Manifesta 12: presentato a Roma il concept del progetto curatoriale :ilSicilia.it
Banner Bibo

Il tema è "Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza"

Manifesta 12: presentato a Roma il concept del progetto curatoriale

di
27 Novembre 2017

I Creative Mediator di Manifesta 12, Bregtje van der Haak, Andrés Jaque, Ippolito Pestellini Laparelli e Mirjam Varadinis, hanno annunciato il progetto curatoriale della dodicesima edizione di Manifesta, la biennale nomade europea che si svolgerà a Palermo dal 16 giugno al 4 novembre 2018.

Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza“, questo il concept del progetto, è stato rivelato oggi nel corso di una conferenza stampa presso la sala Spadolini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo a Roma, alla presenza del Ministro Dario Franceschini, della direttrice di Manifesta Hedwig Fijen, del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Palermo Andrea Cusumano.

il progetto esplorerà il significato di “coesistenza” in un mondo mosso da reti informative invisibili, interessi privati transnazionali, intelligenza algoritmica, processi ambientali e ineguaglianze che aumentano incessantemente, attraverso la lente unica di Palermo, un crocevia di tre continenti nel cuore del Mediterraneo.

Il lavoro interdisciplinare si concentrerà, dunque, sull’idea di “giardino”, esplorandone la capacità di generare vita da tutti i movimenti e flussi migratori.

Palermo è la città ideale in questo momento storico, per portare avanti il  progetto di decodificazione dell’Europa per la Biennale: da un lato, infatti, Manifesta 12 indagherà sulle sfide e i fenomeni contemporanei, dall’altro, cercherà di mobilitare l’energia della città attraverso progetti legati al settore formativo e a quello della mediazione culturale, mettendo a disposizione della città la propria rete internazionale.

Palermo è di per sé una capitale nel cuore del Mediterraneo, una città che è riuscita a conquistare una centralità nuova grazie alla crescita nei settori della cultura e del turismo – ha dichiarato il Ministro Franceschini -. Sono certo che un’offerta culturale di qualità, come quella di Manifesta 12 insieme alle tante iniziative legate al titolo di Capitale italiana della Cultura 2018, renderà Palermo e la Sicilia ancora più vitali e attrattive agli occhi del mondo”.

Per la direttrice Hedwig Fijen “le biennali dovrebbero rappresentare più della somma di una serie di mostre e il valore aggiunto di Manifesta 12 è il fatto che il programma della biennale si svolge nella città di Palermo, dove si articolano importanti fenomeni geopolitici, sociali ed ecologici del nostro tempo. Per Manifesta 12, Palermo rappresenta le profonde complessità che tutto il mondo sta affrontando. Speriamo che Manifesta 12 crei nuove prospettive in termini di eredità materiale e immateriale per il futuro della città”.

Palermo assume sempre più il ruolo di modello culturale, ove la cultura è intesa nel suo essere l’elemento caratterizzante di un popolo e del suo relazionarsi con gli altri popoli – ha dichiarato il sindaco Orlando -. A Palermo la coesistenza, è storicamente prassi e quotidianità, non più e non solo progetto. Non è un caso che Manifesta 12 sia parte integrante e fondamentale della programmazione legata a Palermo Capitale della Cultura Italiana”.

Il progetto definitivo di Manifesta 12 è la sintesi di una fase preliminare di indagine nel territorio, condotto dallo studio OMA (Office for Metropolitan Architecture) che ha dato vita allo studio urbano “Palermo Atlas”, presentato in anteprima la scorsa estate.

Palermo Atlas sarà pubblicato nel 2018 in formato cartaceo ed e-book e farà parte del programma principale di Manifesta 12. Attualmente, può essere visionato al quartier generale di Manifesta 12 a Palermo, il Teatro Garibaldi.

Domani, infine, la presentazione pubblica a Palermo, ai Cantieri Culturali della Zisa, presso il cinema De Seta, alle ore 17.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti