16 luglio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.38
Palermo

Dal 18 giugno al 4 novembre

Manifesta 12 Studios: una mostra che propone scenari futuri e diversi per Palermo

14 giugno 2018

PALERMO – Manifesta 12 Studios è un progetto di Ippolito Pestellini Laparelli, Creative Mediator di Manifesta 12 e partner di OMA, che mette insieme in un’unica piattaforma quattro rinomati centri di ricerca di architettura: Università degli Studi di Palermo, Italia, Scuola Politecnica, Dipartimento di Architettura: Maurizio Carta, Alessandra Badami, Renzo Lecardane, Marco Picone, Filippo Schilleci, Zeila Tesoriere; The Architectural Association School of Architecture di Londra, UK: profesoressa Giulia Foscari, Harikleia Karamali, Giacomo Ardesio; Delft University of Technology, Olanda: Paul Cournet, Ippolito Pestellini Laparelli, Giulio Margheri, Mariapaola Michelotto; The Royal College of Art, Londra, UK: Anna Puigjaner, Ippolito Pestellini Laparelli, Marina Otero Verzier.

manifesta 12Nell’arco di due semestri, i quattro laboratori didattici internazionali, si sono riuniti per analizzare, attraverso il coinvolgimento di un centinaio di studenti, la città di Palermo e proporre per essa nuovi futuri più creativi e resilienti, innovativi e vegetali, a partire dal Palermo Atlas e dal concept curatoriale di Manifesta 12.

Il contributo del dipartimento di Architettura di Unipa si svolge nell’ambito dell’accordo quadro siglato dal Magnifico Rettore, professore Fabrizio Micari, e si sostanzia attraverso il PalermoLab, un collettivo di laboratori progettuali che agisce come una agenzia di didattica-ricerca-progettazione per produrre soluzioni innovative. Palermo è affrontata come una hyper-city, città di città, arcipelago di spazi e comunità multiple e plurali che richiedono un approccio transcalare per re­immaginare spazi pubblici, architetture, infrastrutture e paesaggi per i tempi che cambiano.

La mostra rivela una Palermo del diverso presente, raccontando storie di luoghi e persone, ibridando punti di vista e metodologie e proponendo progetti, politiche ed azioni concrete sullo spazio urbano.

Creatività, energia, innovazione, resilienza e partecipazione sono risorse e potenza per progettare una città fondate sulla cultura, sulla creatività, sulla cooperazione, sul ritorno della natura e della manifattura.

Palermo è progettata come città aumentata, dispositivo abilitante e generativo, attraverso alcune aree progetto disposte lungo due dorsali: il Waterfront e la Circonvallazione, proponendo nuove funzioni ecologiche, culturali, sociali e produttive per gli spazi in transizione, attorno ai seguenti temi: cyclical spaces, community hub, intercultural places, fabcity, creative epicentres, energy devices, agropolis, green infrastructures, planning for real.

manifesta 12L’obiettivo didattico e sperimentale – dichiara il professore Maurizio Carta, presidente della Scuola Politecnica e responsabile del PalermoLab – è ridisegnare la città, ricomponendo conflitti, tra centro e periferie, tra città e mare, tra sotterraneo ed aereo, tra natura e artificio, tra architettura e infrastruttura, tra spazio e società. Sarà l’occasione per produrre effetti creativi di rigenerazione urbana e umana attorno ai luoghi interessati dagli eventi della Biennale, e per completare il processo già avviato a Palermo di restituzione dello spazio urbano ai cittadini attraverso la creatività e il rigore del progetto”.

Il cambiamento ambientale e il ripensamento dei modelli di sviluppo chiedono di progettare le città come risorse generative per riattivare i meccanismi vitali per entrare nel Neoantropocene.

Manifesta 12 Studios, all’ex Mulino di Sant’Antonino, in corso Tukory, dal 18 giugno al 4 novembre 2018, dal lunedì al venerdì, 9-21, e il sabato dalle 9-13.

Ingresso gratuito.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Strade e Scarpe

Ora potremo essere capitale di qualunque cosa, potremo candidarci ad accogliere tutto il mondo, ma fin quando le strade saranno piene di buche, la città sarà pur sempre una città da terzo mondo.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.