Manifesti contro Salvini ad Agrigento, la Lega: "Non fermeranno il cambiamento" :ilSicilia.it
Agrigento

Pochi giorni prima delle Europee

Manifesti contro Salvini ad Agrigento, la Lega: “Non fermeranno il cambiamento”

di
23 Maggio 2019

Manifesti anonimi contro la Lega e Matteo Salvini, con un provocatorio invito (“terroni votatemi“) sono comparsi oggi ad Agrigento, a pochi giorni dal voto per le europee del 26 maggio.

A denunciare l’accaduto, con tanto di foto che ritraggono i manifesti anti-Salvini, è Igor Gelarda, responsabile regionale Enti Locali della Lega per la Sicilia e candidato alle prossime elezioni europee del 26 maggio nella circoscrizione Sicilia, Sardegna: “Una stupida e gratuita provocazione da parte di chi non accetta la normale vita democratica e le libere elezioni. Infatti con dei manifesti che offendono non solo il leader della Lega Matteo Salvini ma i tanti siciliani che vedono e individuano la Lega come ultima speranza per un reale cambiamento nella vita politica nazionale dei siciliani e degli agrigentini si vuole intimidire la gente”.

“È stata fatta una segnalazione al Comune e alla Questura di Agrigento – precisa ancora l’esponente della Lega – siamo certi che si arriverà presto ad individuare i responsabili. La migliore risposta ad azioni come queste la daranno i cittadini siciliani e gli agrigentini che domenica 26 maggio alle elezioni europee, con le regole democratiche, daranno un segnale di scossa per chi è rimasto indietro con i tempi e con il valore della democrazia e con i principi fondamentali di libertà e di condivisione attraverso il voto libero e senza condizionamenti”.

“Se ne faccia una ragione chi invece non accetta il libero pensiero del popolo che non si fa intimidire da queste azioni vili e becere”.

Il coordinatore enti locali della Lega è intervenuto insieme a Silvio Alessi, responsabile provinciale della campagna elettorale per lo stesso Gelarda.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin