Manovra, Bonomi a Carini: "Sciopero generale strada sbagliata" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Manovra, Bonomi a Carini: “Sciopero generale strada sbagliata”

di
10 Dicembre 2021

Siamo convinti che, oggi più che mai, rispetto alle tante sfide che abbiamo di fronte lo sciopero sia la scelta sbagliata“. Lo ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, nel corso di un evento a Carini (Palermo).

L’Italia nella pandemia ha mostrato immense doti di responsabilità e la conferma di questo ogni giorno viene proprio da tutti i luoghi del lavoro. Dove, infatti, il Greenpass non ha generato affatto la tempesta che alcuni profetavano – ha sottolineato – Questa Italia, a stragrande maggioranza responsabile, si aspetta che istituzioni e parti sociali facciano insieme scelte giuste. Non lo sciopero generale”. “Oggi questo Paese si aspetta una strategia comune sul lavoro, anche in considerazione del fatto che la pandemia ha accelerato processi di ricomposizione e ridefinizione del lavoro. Rinnoviamo, pertanto, la disponibilità immediata a un confronto con il Governo e i sindacati per ridefinire contenuti e metodi di nuove regolazioni sul lavoro”.

Bonomi ha risposto anche in merito all’elezione del prossimo Capo dello Stato: “Ho troppo rispetto delle istituzioni, non sta a Confindustria commentare la partita del Colle“.

Quindi una battuta sul Pnrr: Il grande valore del Pnrr e’ – ha detto – fare quelle riforme che il nostro Paese aspetta da 25 anni, qui si gioca la vera partita del Paese: il rischio e’ che queste risorse vengano utilizzate per finanziare quelle opere che sono gia’ state cantierate o che dovevano essere gia’ realizzate“.

BONOMI SU INTEL 

Intel in Piemonte o in Sicilia? “Meglio in Italia. Prima la portiamo a casa e poi decidiamo dove”. Così il presidente della Confindustria Carlo Bonomi a margine del convegno “il valore dell’impresa” allo stabilimento Omer di Carini, in provincia di Palermo a proposito del nuovo investimento che Intel deve realizzare per uno dei suoi stabilmenti.”Credo che lo sciopero generale sia un problema per l’Italia, in una diatriba tra una parte del sindacato e il governo chi viene penalizzato e’ il mondo del lavoro e delle imprese. Mi sembra che sia proprio una strada sbagliata. Credo che gli italiani chiedano altro, di confrontarsi seriamente sul mondo del lavoro che si sta trasformando, come sempre c’e’ qualcuno che scendera’ in piazza e gli imprenditori andranno in fabbrica per mandare avanti l’Italia come sempre“. Così il presidente di Confindustria.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.