Manovra, percorso difficile all'Ars tra rinvii e scetticismi sulle norme :ilSicilia.it

Commissione senza documenti contabili

Manovra, percorso difficile all’Ars tra rinvii e scetticismi sulle norme

di
15 Gennaio 2019

Nulla di fatto all’Ars dove si attendeva l’arrivo dei quattro “collegati” annunciati dal governo. In realtà, i documenti (ufficialmente) non sono arrivati nemmeno in commissione Bilancio, per cui la conferenza dei capigruppo, che era stata convocata, ha deciso di rinviare la riunione al pomeriggio del 16 gennaio.

A Sala d’Ercole, dunque, Il vicepresidente vicario Roberto Di Mauro ha ritenuto utile chiudere la seduta comunicando ai deputati che saranno convocati a domicilio dopo, appunto, la nuova conferenza dei capigruppo. Nel frattempo sono già stati distribuiti ai componenti della seconda commissione gli emendamenti presentati a Bilancio di previsione e finanziaria, che sono più di 500.

Intanto c’è chi, a microfoni spenti, tra i deputati di Sala d’Ercole avanza perplessità su alcune misure contenute nel “collegato” (la cui copia sarebbe arrivata in via informale e non ufficiale). In particolare, a destare qualche dubbio sarebbe l’articolo 5 del ddl, quello che prevede norme per evitare gli eccessi di ribasso nelle gare d’appalto. Nello specifico, qualcuno a Palazzo dei Normanni ipotizza che si possa trattare di materia legislativa di competenza dello Stato, e che quindi la norma potrebbe essere oggetto di impugnativa.

C’è anche chi storce il naso di fronte alla dismissione degli immobili delle Asp provinciali. Non sarebbe, infatti, la prima volta che si prova a razionalizzare il patrimonio immobiliare che fa capo alle aziende sanitarie, ma in passato i risultati sono stati scarsi, con pochi acquirenti interessati, anche per via del fatto che si tratta di edifici vetusti.

E anche sul mutuo per dare una boccata d’ossigeno alle Province, si respira aria di scetticismo, con chi vede come un’eccessiva esposizione il subentrare della Regione nei mutui contratti dagli enti di area vasta, operazione da 230 milioni di euro.

Sulla sessione di bilancio si registra la presa di posizione del gruppo parlamentare del Pd: “La ‘manovra snella’ che il governo Musumeci doveva approvare ‘fra Natale e Capodanno’ è diventata una raccolta di testi ‘collegati’ soltanto dall’intenzione di sfornare misure da campagna elettorale, in vista delle Europee. E anche se arrivano poco alla volta, sfogliando le prime norme ci accorgiamo che le sbandierate riforme del presidente della Regione si traducono, molto semplicemente, in una moltiplicazione delle poltrone di sottogoverno. Per non parlare dei tagli alle associazioni antimafia ed antiracket, ai teatri ed al mondo della cultura, mentre spunta un finanziamento diretto per un solo ente, la Fondazione Whitaker – affermano i parlamentari regionali del PD all’Ars – Il governo Musumeci continua a navigare a vista paralizzando l’attività dell’Ars: ogni giorno che passa – aggiungono – si avvicina la necessità di una proroga dell’esercizio provvisorio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.