Manovra regionale bloccata negli uffici, fumata nera all'Ars :ilSicilia.it

I lavori a Palazzo dei Normanni

Manovra regionale bloccata negli uffici, fumata nera all’Ars

31 Gennaio 2019

Il Presidente dell’Ars Gianfranco Micciché ha dovuto gettare la spugna e ha riconvocato l’Aula per giorno 31 gennaio. La tabella di marcia annunciata nel pomeriggio del 30, così, salta, come lo stesso Presidente dell’Ars ha dovuto sottolineare. Adesso, insomma, i tempi per evitare la proroga dell’esercizio provvisorio sono davvero strettissimi.

Una bozza di finanziaria, quella disponibile, che si arricchisce rispetto all’originale, con un totale di 55 articoli, ma che rimane ingessata, come hanno dovuto ammettere anche alcuni esponenti del governo e della coalizione a sostegno dell’esecutivo. E il testo potrebbe subire delle ulteriori modifiche, visto che dovrà passare le ‘tagliole’ degli uffici, che stanno valutando l’ammissibilità di alcuni articoli.

Insomma, con un prolungamento dell’esercizio provvisorio che incombe, le certezze al momento sono davvero poche. Il testo disponibile prevede la proroga al 21 dicembre 2019 la liquidazione di Riscossione Sicilia, così come la riduzione dell’addizionale Irpef.

Diverse gli articoli che riguardano il precariato: nel testo dovrebbero esserci alcune norme sugli Asu. In particolare si prevede che quelli impiegati dai comuni passino ai Beni culturali, quindi in capo alla Regione. Nel testo anche la stabilizzazione di alcune decine di precari delle Camere di Commercio, mentre dovrebbero passare alla Resais i dipendenti della società in crisi Pumex.

Ma si tratta, come detto, di una bozza. Occorrerà attendere quali saranno le norme che sopravviveranno alla scure degli uffici. Azzardato fare qualsiasi pronostico sui tempi di approvazione.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.