Maratona di Palermo: partenza il 22 novembre, ecco le prime indiscrezioni :ilSicilia.it
Palermo

L'ANNUNCIO DEL PATRON SALVATORE GEBBIA

Maratona di Palermo: partenza il 22 novembre, ecco le prime indiscrezioni

di
7 Agosto 2020

L’edizione 2020 della Maratona di Palermo partirà il 22 novembre.

Ad annunciarlo è il patron della manifestazione Salvatore Gebbia, attraverso un comunicato stampa. La manifestazione, che dovrà seguire tutti i dettami sull’emergenza covid-19, è stata inserita nel calendario Fidal come evento “Bronze”.

I DETTAGLI DELL’EVENTO

Al momento si parla di partenze scaglionate, con un massimo di 200 atleti che vedranno il via ogni 5 minuti. Tutti i partecipanti dovranno inoltre indossare la mascherina alla partenza.

Confermate le distanze sia della mezza che della maratona classica da 42,195 km. Lo start rimane fissato in via Libertà all’altezza del Giardino inglese. La Maratona di Palermo si appresta così ad essere uno dei primi eventi di spessore nel panorama europeo dell’outdoor del post-covid.

Tutto lascia presagire per il meglio – afferma Gebbia – e, scongiuri a parte, se la situazione da qui a novembre non dovesse cambiare, assisteremo ad una bella Maratona di Palermo. In questi giorni stiamo aggiornando il dispositivo tecnico, l’impegno sara’ notevole ma lavoreremo per consentire a tutti, atleti e addetti ai lavori, di prendere parte ad una manifestazione sicura“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.