Marchio Etna: firmata la convenzione tra Parco e Università di Catania :ilSicilia.it
Catania

sarà in vigore dal 2022

Marchio Etna: firmata la convenzione tra Parco e Università di Catania

di
9 Dicembre 2021

E’ stata firmata convenzione tra l’ente Parco e l’Università di Catania che affida al dipartimento di Giurisprudenza lo studio e la realizzazione del disciplinare e della normativa che regolamenteranno il “marchio collettivo di qualità ambientale Parco dell’Etna”.

Prosegue così il percorso virtuoso finalizzato alla creazione il riconoscimento del marchio di promozione Parco dell’Etna, uno strumento di marketing territoriale per garantire l’origine delle produzioni ottenute dalle aziende che osserveranno gli standard in termini di rispetto del contesto ambientale e paesaggistico.

“Oggi il consumatore cerca sempre più spesso un prodotto trasparente in termini di sostenibilità – spiega il presidente Carlo Caputo – Ritengo che poter concedere alle aziende operanti all’interno del Parco dell’Etna la possibilità di inserire nei propri prodotti il marchio Etna sia un valore aggiunto non di poca rilevanza. Grazie alla preziosa assistenza tecnica del dipartimento di Giurisprudenza dell’ateneo di Catania costruiremo l’ossatura solida di un marchio che sarà operativo nel 2022″.

Si punta alla salvaguardia e alla valorizzazione di una vasta area di alto valore ambientale e strategico per la Sicilia come il Parco dell’Etna, che a suo tempo è stato il primo ad essere istituito tra i Parchi siciliani nel 1987. Un patrimonio all’interno del quale ricadono circa 59000 ettari nel contesto di un ambiente naturale unico e di uno straordinario paesaggio che circonda il vulcano attivo più alto d’Europa.

Il Parco guidato dal presidente Caputo, d’intesa con i comuni nei quali ricade il perimetro dell’ente, tra l’altro si sta impegnando per promuovere un’azione programmatica ed operativa sinergicamente volta allo sviluppo ecocompatibile del territorio e delle comunità locali, in un’ottica di valorizzazione di un “pezzo” importante di Sicilia. Ricadono nel territorio del Parco, ricordiamo, 20 comuni (Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Castiglione di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Maletto, Mascali, Milo, Nicolosi, Pedara, Piedimonte Etneo, Ragalna, Randazzo, Santa Maria di Licodia, Sant’Alfio, Trecastagni, Viagrande, Zafferana Etnea), con una popolazione di circa 250 mila abitanti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.