Mare di Taormina sporco, il sindaco di Letojanni: "Fogne abusive" :ilSicilia.it
Messina

"C'è anche chi butta l'immondizia in acqua"

Mare di Taormina sporco, il sindaco di Letojanni: “Fogne abusive”

di
21 Agosto 2019

Il Comune di Letojanni dichiara “guerra” ai soggetti che tentano di sporcare le acque del primo polo turistico siciliano (di cui Letojanni con Taormina e Giardini Naxos è una delle punte di diamante) con il conferimento di rifiuti attraverso “fogne abusive”.

Il mare pulito di questa zona in determinate fasce orarie viene interessato da improvvise chiazze di sporcizia e di rifiuti: il problema non è il depuratore che ha superato in modo positivo e senza problemi anche l’esame recente del ferragosto e le dinamiche sarebbero invece altre. Così sulla vicenda il primo cittadino dell’ente locale letojannese sottolinea che sono già scattati dei controlli delle autorità preposte.

Alessandro Costa, sindaco di Letojanni

Le nostre acque sono soggette a continui controlli dell’Arpa – evidenzia Costa -. L’impianto di depurazione, che è attivo per 25mila persone circa, viene controllato costantemente ma abbiamo avuto delle segnalazioni che in determinate ore del giorno ci sono di scie di schiuma e sporcizia. Va premesso ed evidenziato che il nostro mare è pulito e che il depuratore di Letojanni ad oggi funziona bene. Noi facciamo, tra l’altro, due tipi di analisi: campionature del Consorzio preposto e da parte del Portale delle acque di balneazione, che attua controlli almeno due volte al mese. Ad ogni modo, i paesi a monte dell’Alcantara scaricano direttamente nel fiume e tutto questo va in direzione sud, verso Catania. Per quello che riguarda il nostro Comune, siamo convinti che ci siano allacci abusivi fognari di interi alberghi e residence. Sono scarichi senza allacci al depuratore. Tutto questo è stato segnalato a chi di dovere, gli organi preposti stanno facendo le necessarie verifiche, vedremo cosa succederà”.

“Il trattamento delle acque da parte del depuratore – continua Costa – non consente in ogni caso di portare a mare scarichi di tipo solido, fa notare il sindaco, e se il mare è solcato da molte imbarcazioni, soprattutto in estate, e c’è un aumento del diportismo, con conseguente aumento di oli a mare, il problema della sporcizia dell’acqua è evidentemente dovuto a ben altro. A tutto questo si aggiunge anche il fatto che a volte nel mare galleggia vera e propria spazzatura, sacchetti di plastica gettati da chi la smaltisce in modo improprio”.

I proprietari delle discariche – continua il sindaco Costa – cercano di non far fare impianti. C’è anche il problema che nessuno li vuole avere vicino; c’è molta ignoranza sul tema rifiuti: ogni azione da parte di noi sindaci trova dinnanzi forte contrarietà”. Intanto fortunatamente anche a Letojanni ha preso piede la raccolta differenziata porta a porta, “dobbiamo migliorare ma intanto siamo partiti”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.