MareAmico: "Troppe barche abbandonate sulle spiagge di Agrigento" | FOTO-VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

Dalla Tunisia, gli sbarchi fantasma

MareAmico: “Troppe barche abbandonate sulle spiagge di Agrigento” | FOTO-VIDEO

di
7 Maggio 2018
GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Sulle spiagge della provincia di Agrigento giacciono tantissime barche provenienti dalla Tunisia, che la scorsa estate hanno trasportato migranti in Italia”. E’ quanto denuncia l’associazione MareAmico di Agrigento.

“Questo, che può essere definito un effetto collaterale degli sbarchi fantasmalamentano gli ambientalisti -, comporta l’inquinamento delle nostre spiagge dal punto di vista ambientale, paesaggistico ed anche sanitario. Mareamico ha chiesto all’ufficio competente delle dogane di eliminare questi relitti prima dell’inizio dell’estate, perché tutto questo deturpa l’immagine e danneggia il turismo della nostra Isola.

E poi, siccome siamo convinti che gli sbarchi fantasma continueranno, sarebbe necessario trovare il sistema per affidare queste barche alle cooperative di pescatori o alle associazioni no profit. Questa possibilità’ farebbe risparmiare tantissimi soldi allo Stato ed eliminerebbe queste brutte situazioni”.

SFOGLIA LA FOTO-GALLERY:
Spiaggia Siculiana
Spiaggia Torre Salsa
Spiaggia Torre Salsa
Spiaggia Zingarello
Spiaggia Torre Salsa
Spiaggia Punta Bianca
Spiaggia Giallonardo
© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.