Maresco non si presenta a Venezia: annullata la conferenza stampa del suo film :ilSicilia.it

mai successo nella storia del festival

Maresco non si presenta a Venezia: annullata la conferenza stampa del suo film

di
6 Settembre 2019

Mentre, proprio in queste ore, il film “La mafia non è più quella di una volta“, la pellicola con cui per la prima volta Franco Maresco è in “Concorso” alla 76esima Mostra del Cinema di Venezia, viene proiettato in anteprima alla stampa internazionale il suo autore chissà dove si trova.

Dalle ultime indiscrezioni che ci arrivano proprio dal Lido, a quanto pare, al termine della proiezione non si svolgerà, come da prassi, la consueta conferenza stampa di presentazione a cui partecipano artisti e produttori.

Maresco - conferenza annullata
Dalla cartella stampa al Lido

Che sia una provocazione o meno lo scopriremo se e quando sarà lo stesso Maresco a parlare, al momento blindatissimo dal suo entourage, certo è che le “mancate apparizioni” al Lido del regista sono storia.

Nel 2014, ad esempio, gli venne assegnato il Premio speciale della Giuria nella sezione Orizzonti e, anche in quella occasione, non si presentò alla consegna del premio, ritirato dal produttore, oltre ad aver evitato anche il ‘tappeto rosso’ di rito.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.