Mario Biondo, a Le Iene un detective ha le prove dell'omicidio? | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

"Ho molte informazioni che non posso dire"

Mario Biondo, a Le Iene un detective ha le prove dell’omicidio? | VIDEO

di
8 Maggio 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Si chiama Eduardo Navasquillo e potrebbe conoscere l’identità dell’assassino di Mario Biondo.

“Questo è grave lui sta proteggendo chi ha ucciso mio figlio”. Santina Biondo, la mamma del cameraman palermitano morto a Madrid nel maggio 2013, ha commentato così l’ultimo servizio de Le Iene, andato in onda ieri sera su Italia 1.

Navasquillo, era il criminologo e detective privato che i genitori di Biondo avevano incaricato per fare luce sulla morte del cameraman. Nel servizio di Cristiano Pasca, il detective sembra dare la conferma dell’omicidio: quando pensa di non essere inquadrato dalle telecamere, alla fine dell’intervista dice qualcosa di davvero inquietante: “Ho molte altre informazioni che non ti dirò, perché il processo non è del tutto chiuso in Italia. Queste prove me le tengo, non per me, ma per altre persone che potrebbero essere accusate della morte di Mario. Le posso divulgare solo se me lo chiede un giudice”.

La Procura di Palermo intanto ha deciso di prorogare di altri sei mesi il termine delle indagini preliminari.

 

LEGGI ANCHE:

Nuovi dettagli nel giallo di Mario Biondo: Le Iene “inchiodano” la moglie | VIDEO

Caso Biondo a Le Iene: la vedova incalzata dai pm italiani e smentita da Twitter | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.