Mario Cucinella presenta "Arcipelago Italia" alla Biennale Architettura 2018 [Fotogallery] :ilSicilia.it

E' il curatore del Padiglione Italia

Mario Cucinella presenta “Arcipelago Italia” alla Biennale Architettura 2018 [Fotogallery]

di
21 Febbraio 2018

Per il Padiglione Italia della Mostra Internazionale di Architettura di Venezia Mario Cucinella, curatore per la 16esima edizione, ha presentato un progetto che alle grandi opere delle archistar antepone il lavoro modesto e fondamentale di tanti architetti “che lavorano nell’Italia della crisi, dove per l’architettura si investe poco, sempre cercando una relazione tra la storia e la contemporaneità“.

Arcipelago Italia“, questo il nome assegnato, è: borghi d’arte e foreste millenarie, piccoli centri manifatturieri e grandi zone agricole. Non solo grandi città, non solo aree metropolitane e periferie.

L’Italia è un “Arcipelago” di piccole realtà che insieme hanno fatto la storia. E in quanto tale anche “un modello da promuovere“, un sistema di gestione del territorio che merita di essere rivalutato e rilanciato, proposto come alternativa per un futuro più vivibile, sostiene il curatore.

Alla base del concept c’è, dunque, “il bisogno di architettura di qualità“, perché gli architetti “possono fare cose straordinarie ma anche grandi danni”, ha dichiarato Cucinella che promuove anche l’approvazione della “legge che si attende da anni”.

L’attenzione sarà puntata su quei territori, pari a circa il 60 % del Paese, lontani dai centri di servizio essenziali e sui quali, spesso, agiscono anche la cronica fragilità del territorio italiano e l’alto rischio sismico.

E poiché “l’architettura è un lavoro di responsabilità sociale” il Padiglione è stato progettato come un “viaggio, un atto creativo collettivo intorno a questi luoghi che per spopolamento, invecchiamento della popolazione o altri criticità, rischiano di obliarsi storia e patrimonio collettivo”.

Cucinella, che sarà coordinatore di un team di professionisti, tutor, esperti, architetti, fotografi e soggetti istituzionali, ha messo in atto in prima persona “una politica di ascolto, proprio per capire dove si è spezzato quel legame che per secoli ci ha permesso di interpretare i desideri dei territori e trasformarli in architettura”.

Dalla selezione dei mesi scorsi sono stati individuati dal team operativo 65 progetti che verrano presentati nel Padiglione secondo le tematiche: “Itinerari”; “Futuro”; “Progetti Sperimentali”, con  tre “macroaree”.

A comporre l’ultima sezione, tra i 5 lavori, anche la Valle del Belìce con Gibellina e l’intervento già avviato nell’incompiuto teatro di Pietro Consagra, uno dei “i cinque nervi scoperti del Paese”.

La Mostra aprirà i battenti il 26 maggio e si chiuderà il 25 novembre.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin