Marta e Vincenzo, i due siciliani morti nel crollo del Ponte Morandi :ilSicilia.it
Messina

Sant'Angata di Militello e Grotte in lutto

Marta e Vincenzo, i due siciliani morti nel crollo del Ponte Morandi

15 Agosto 2018

Si chiamano Marta Danisi e Vincenzo Licata i due siciliani morti il 14 agosto scorso nel crollo del Ponte Morandi a Genova. Le vittime accertato fino ad adesso sono 39, ma ancora si continua a scavare.

Marta Danisi aveva 29 anni, era nata e cresciuta a Sant’Agata di Militello, in provincia di Messina, ma lavorava in Piemonte come infermiera in un ospedale di Alessandria. Al momento del crollo si trovava in auto con il fidanzato, anch’egli rimasto vittima della tragedia.

A dare la notizia ai familiari sono stati gli agenti della polizia nel pomeriggio di ieri. Notizia, poi confermata in serata anche dal sindaco di Sant’Agata di Militello Bruno Mancuso, che su Facebook ha pubblicato un post con il cordoglio del Comune.

Vincenzo Licata aveva 58 anni, era nato a Grotte di Agrigento faceva il camionista ed era titolare di un’azienda di trasporti. Da da decenni si era trasferito a Vicenza con la sua famiglia. E’ morto proprio mentre stava trasportando un carico con il suo camion. Il suo nome era stato inserito dalle autorità nell’elenco delle vittime. Ieri mattina il riconoscimento dei familiari in ospedale. Lascia la moglie e due figli.

Anche il sindaco di Grotte ha espresso il proprio cordoglio e ha proclamato il lutto cittadino.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.