Marta e Vincenzo, i due siciliani morti nel crollo del Ponte Morandi :ilSicilia.it
Messina

Sant'Angata di Militello e Grotte in lutto

Marta e Vincenzo, i due siciliani morti nel crollo del Ponte Morandi

di
15 Agosto 2018

Si chiamano Marta Danisi e Vincenzo Licata i due siciliani morti il 14 agosto scorso nel crollo del Ponte Morandi a Genova. Le vittime accertato fino ad adesso sono 39, ma ancora si continua a scavare.

Marta Danisi aveva 29 anni, era nata e cresciuta a Sant’Agata di Militello, in provincia di Messina, ma lavorava in Piemonte come infermiera in un ospedale di Alessandria. Al momento del crollo si trovava in auto con il fidanzato, anch’egli rimasto vittima della tragedia.

A dare la notizia ai familiari sono stati gli agenti della polizia nel pomeriggio di ieri. Notizia, poi confermata in serata anche dal sindaco di Sant’Agata di Militello Bruno Mancuso, che su Facebook ha pubblicato un post con il cordoglio del Comune.

Vincenzo Licata aveva 58 anni, era nato a Grotte di Agrigento faceva il camionista ed era titolare di un’azienda di trasporti. Da da decenni si era trasferito a Vicenza con la sua famiglia. E’ morto proprio mentre stava trasportando un carico con il suo camion. Il suo nome era stato inserito dalle autorità nell’elenco delle vittime. Ieri mattina il riconoscimento dei familiari in ospedale. Lascia la moglie e due figli.

Anche il sindaco di Grotte ha espresso il proprio cordoglio e ha proclamato il lutto cittadino.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.