Mascherina: quanto ti protegge se sei il solo ad indossarla? :ilSicilia.it

l'approfondimento

Mascherina: quanto ti protegge se sei il solo ad indossarla?

di
27 Settembre 2021

Adesso che l’obbligo per la mascherina non c’è più, capita di essere le mosche bianche della situazione e a questo punto la domanda sorge spontanea: quanto protegge indossarla se siamo i soli ad averla?

Fino ad ora abbiamo appreso da tutti i principali studi che la mascherina protegge chi la indossa, anche quando chi è vicino non l’ha: la qualità della protezione è direttamente proporzionale alla qualità della mascherina e al modo in cui si utilizza. Ci sono diversi esempi sulla sua utilità in caso di positivi “in zona”. Ad esempio, uno studio condotto in Tennessee ha scoperto che nelle comunità con l’obbligo di mascherina i tassi di ospedalizzazione sono molto ridotti rispetto a quelle aree dove le mascherine non sono richieste.

Resta sempre indiscussa l’efficacia della mascherina quando in un ambiente chiuso la indossano tutti. Questo accade perché, se un positivo indossa la mascherina, una enorme percentuale delle particelle infette viene intrappolata, bloccando alla fonte la diffusione virale. Di conseguenza, quante meno particelle infette vagano nell’aria, più probabilmente le mascherine indossate dagli altri bloccheranno quelle che sono sfuggite.

Da una ricerca dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti si è osservato come chi indossa una mascherina chirurgica standard è protetto circa al 7,5% dalle particelle virali. La stessa mascherina con i passanti annodati dietro le orecchie, ha ridotto l’esposizione di quasi il 65%. Coprire la mascherina chirurgica con un’altra o con della di stoffa, ha ridotto dell’83% l’esposizione.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin