Mascherine: i 5 consigli del CDC per indossarle in modo efficace :ilSicilia.it

la ricerca

Mascherine: i 5 consigli del CDC per indossarle in modo efficace

di
10 Marzo 2021

Con i nuovi vaccini sembrerebbe potersi allentare la morsa delle mascherine. Invece no, queste restano la migliore arma che ognuno di noi può utilizzare per proteggersi. Con la diffusione di nuove varianti gli esperti hanno sottolineato l’importanza di assicurarsi che le maschere siano stratificate e sigillate ermeticamente.

Non tutte le mascherine però sono progettate con lo stesso livello di protezione. I Cdc (Centers for Disease Control and Prevention) hanno delineato 5 suggerimenti utili per rendere le maschere più efficaci.

I consigli riguardano per lo più mascherine chirurgiche di base, che gli studi hanno trovato sono molto efficaci, se indossate correttamente, nel bloccare le goccioline respiratorie e le particelle più piccole nell’aria.

Per prima cosa è assolutamente necessario coprire il naso. In uno studio pubblicato a maggio si è detto che le cellule nasali avevano maggiori probabilità di essere infettate e diffondere il Covid.

Ogni giorno però vediamo nasi scoperti, che creano spazi di non aderenza della mascherina. I nasi possono essere complicati da coprire.

Per questo motivo il primo consiglio del Cdc è di scegliere mascherine con il filo metallico che corre lungo il naso, una striscia di metallo lungo la parte superiore. La regolazione di quest’ultimo sopra il naso aiuta a garantire che le maschere siano sigillate ermeticamente.

Dobbiamo anche considerare un vantaggio molto importante: se il filo metallico aderisce bene, gli occhiali non si appannano.

Ma le mascherine chirurgiche non offrono comunque una tenuta perfetta. Da un recente studio dell’Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro si evince che una mascherina, in procedure mediche, ha bloccato il 59% delle goccioline di una tosse.

Il secondo consiglio del Cdc, infatti, è di aggiungere una staffa per le mascherina o di un dispositivo di adattamento sopra una maschera chirurgica può renderla efficace quasi al 95%.

Il terzo consiglio del Cdc è di utilizzare la tecnica “annoda e chiudi”. Si inizia piegando la mascherina a metà, da bordo a bordo. Quindi si legano entrambi gli elastici per le orecchie in modo che i nodi siano il più vicino possibile alla mascherina. Infine, la si apre e si piega l’eventuale tessuto in eccesso sotto i nodi.

Puoi verificare che la maschera è più aderente sul tuo viso perché la maschera si muove dentro e fuori mentre respiri”, ha detto Emily Sickbert-Bennett, direttrice della prevenzione delle infezioni presso gli ospedali UNC, in un video che ne illustra i passaggi.

Annoda e piega” può migliorare il filtraggio della mascherina fino al 20% in più.

Il quarto consiglio è quello di aggiungere sopra alla mascherina chirurgica una mascherina di stoffa comune. La combinazione di una mascherina in tessuto su una chirurgica, hanno scoperto, era più del 70% efficace nel filtrare particelle minuscole (meno di 0,3 micrometri) e più del 90% nel filtrare particelle 1 micrometro e più grandi.

I ricercatori del CDC hanno scoperto che la doppia mascherina ha bloccato più del 92% delle particelle di tosse, rispetto al 42% della sola chirurgica.

Il quinto consiglio è di controllare sempre gli “spifferi”. Quando si indossa la mascherina: “Se la maschera ha una buona vestibilità, sentirai l’aria calda entrare attraverso la parte anteriore della maschera e potresti essere in grado di vedere il materiale della maschera muoversi dentro e fuori ad ogni respiro”, sostiene il CDC.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco