Massoneria ed eletti, ricorso di due deputati all'Ars contro la legge Fava :ilSicilia.it

L'iniziativa di Lo Curto e Catalfamo

Massoneria ed eletti, ricorso di due deputati all’Ars contro la legge Fava

di
8 Aprile 2019

I capigruppo di FdI e Udc all’Ars, Antonio Catalfamo ed Eleonora Lo Curto, hanno depositato al Tar di Palermo un ricorso contro la comunicazione con cui il presidente dell’Ars Gianfranco Micciché ha reso noto che i due parlamentari si sono sottratti all’obbligo, introdotto dalla legge regionale 18 del 2018, di dichiarare la loro appartenenza o meno alla Massoneria o ad associazioni similari. La legge, promossa dal presidente dell’Antimafia regionale, Claudio Fava, ha imposto ai deputati regionali (ma anche ai sindaci, ai consiglieri comunali e circoscrizionali, agli assessori regionali e comunali) l’obbligo di dichiarare l’appartenenza alle “associazioni massoniche o similari che creino vincoli gerarchici, solidaristici o d’obbedienza”.

La legge è stata contestata dai due deputati ritenendola una violazione del loro diritto di associarsi liberamente, “tutelato dalla Costituzione e dalla normativa europea”. I due parlamentari hanno denunciato come “le norme siano discriminatorie tra le associazioni massoniche e le altre parimenti lecite e ammesse dall’ordinamento”.

Proprio allo scopo di promuovere l’iniziativa giudiziaria, i deputati Catalfamo e Lo Curto avevano sollecitato sin dal 18 novembre scorso il presidente dell’Ars perché rendesse la prescritta comunicazione, poi intervenuta nella seduta dell’Ars del 5 marzo, e due giorni dopo pubblicata sui siti web della Regione.

Il ricorso, curato dagli avvocati Enzo Palumbo, Andrea Pruiti Ciarello e Rocco Todero, chiede l’eliminazione della pubblicazione e solleva in particolare due questioni di legittimità costituzionale. Ora la palla passa al Tar che, dopo avere deciso sulla richiesta di sospensiva della pubblicazione, dovrà poi valutare la non manifesta infondatezza delle censure costituzionali avanzate, in tal caso trasmettendo gli atti alla Corte Costituzionale.

Per i due deputati “è stata violata gravemente la nostra libertà di poterci associare liberamente e senza intimidazioni di sorta, ed è stato gravemente leso il nostro diritto alla privacy; per non dire della forte discriminazione operata nei confronti della Massoneria che, al pari di qualsiasi altra lecita associazione operante in Italia, merita il rispetto delle pubbliche Istituzioni e dei cittadini. Questa legge liberticida rappresenta una vergogna per il parlamento siciliano e auspichiamo che la Corte Costituzionale la cancelli dall’ordinamento giuridico, censurando il comportamento dell’Ars, come ha già fatto in passato la Corte europea dei diritti dell’uomo nel caso di analoghe leggi delle regioni Marche e Friuli Venezia Giulia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.