15 novembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 07.31
caronte manchette
caronte manchette
Messina

100 milioni di euro per la Città di Messina

Masterplan: 300 milioni di investimenti in infrastrutture per la provincia di Messina

17 ottobre 2018

“E’ in fase di completamento la rimodulazione del Masterplan con i relativi interventi per il territorio messinese”. Lo ha reso noto il sindaco di Messina, Cateno De Luca, al termine di una riunione operativa riguardante le attese opportunità di sviluppo per la provincia peloritana.

“Possiamo dire che si tratta di oltre 300 milioni di investimenti in infrastrutture per l’intera provincia, di cui circa 100 milioni per la Città di Messinaha spiegato il sindaco metropolitano -.  Stiamo cercando adesso di aggiornare il quadro complessivo, andando a velocizzare le procedure di spesa per sbloccare importanti opere strategiche che cambieranno il volto della nostra città”.

I progetti riguarderanno il comprensorio tra Messina e la zona ionica, con i 32 Comuni del versante ionico guidato da Taormina e i comuni del versante collinare peloritano; il comprensorio Milazzo-Eolie comprendente 20 comuni della zona tirrenica, compresi i centri abitati della zona eoliana; il comprensorio Barcellona Pozzo di Gotto-Patti, con ulteriori 18 comuni sino a Gioiosa Marea; ed il comprensorio dei Nebrodi, sino a Sant’Agata Militello ed ulteriori 35 comuni che dal tirreno si articolano lungo i versanti nebroidei.

Lo scorso luglio era stato approvato, nel corso di un’altra riunione con i responsabili per l’attuazione del Masterplan, lo schema di accordo di programma tra la Città Metropolitana di Messina e i raggruppamenti di Comuni che intendono proporre progetti inerenti ad interventi infrastrutturali di area vasta con particolare riferimento ad assi viari intercomunali. Il protocollo darà la possibilità di realizzare un gruppo di progetti che possano trovare copertura nell’ambito del Masterplan o in altre linee di finanziamento; si tratta di un’importante opportunità per l’intero territorio, favorita dalla recente proroga dei termini che ha fissato al 31 dicembre 2021 l’avvio delle opere finanziate dal Masterplan.

Le coalizioni di Comuni avranno modo di proporre progetti strategici che dovranno essere redatti attraverso le regole di trasparenza contenute nell’accordo di programma approvato stamane e realizzerà una sorta di sana concorrenza tra i vari enti locali che dovranno rispondere con tempestività ad una funzionale azione di programmazione e progettazione che eviti, come in passato, che si perdano linee di finanziamento utili alla crescita del l’intero territorio metropolitano.

Nel documento esitato è stato stabilito che il termine conclusivo per la presentazione dei progetti definitivi da parte dei Comuni è fissato al 30 dicembre 2019, data utile per permettere alla Città Metropolitana di Messina di poter adottare le azioni richieste e poter, quindi, convocare la Conferenza dei servizi e, successivamente, poter procedere con la progettazione esecutiva.

De Luca ha rimarcato che le proposte delle singole coalizioni non avranno rimborso spese da parte della Città Metropolitana che si farà carico del progetto esecutivo e ne sarà la stazione appaltante.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I bambini iperattivi non sono maleducati

Alle scuole e alle famiglie mancano sempre le risorse sufficienti per svolgere al meglio questo difficile incarico. Occorre che tutte le figure coinvolte lavorino in sinergia, assumendo atteggiamenti autorevoli e coerenti.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.