Masterplan, la Regione salva i 37 mln per Taormina, Naxos, Castelmola e Letojanni :ilSicilia.it
Messina

svolta in arrivo sulla progettazione

Masterplan, la Regione salva i 37 mln per Taormina, Naxos, Castelmola e Letojanni

di
27 Ottobre 2020

Svolta in arrivo per non perdere il maxi-finanziamento da 37 milioni di euro che potrebbe cambiare volto alla viabilità dei territori di Taormina, Castelmola, Giardini e Letojanni nei prossimi anni. Il presidente dell’Unione dei Comuni Naxos-Taormina (e sindaco di Castelmola), Orlando Russo, a seguito di un’interlocuzione avviata presso la presidenza della Regione e l’assessorato alle Infrastrutture è riuscito ad avere la disponibilità da parte della Regione a farsi carico delle spese che occorreranno per la progettazione esecutiva degli interventi.

Si tratta di costi che i comuni non possono permettersi di sostenere, a causa delle ristrettezze dei rispettivi bilanci e di una condizione di difficoltà acuita in termini ancora più pesanti della crisi determinata dalla pandemia quest’anno. Senza questi fondi, in sostanza, non si potrebbe realizzare la progettazione e i fondi verrebbero persi. Una prospettiva che pareva ormai incombere e che era praticamente dietro l’angolo.

“Posso soltanto dire che stiamo facendo di tutto per non perdere i finanziamenti, e in questa fase finale dell’anno, si è aperta un’opportunità che potrà essere risolutiva e sulla quale sono convinto che in tempi ragionevolmente brevi si potrà arrivare ad un’intesa – ha detto Russo -. C’è la volontà della Regione di supportarci in questo iter, con la sensibilità verso questa tematica strategica da parte del presidente Nello Musumeci, che ho avuto modo di incontrare in questi giorni, e dell’assessore Marco Falcone. C’è un dialogo costruttivo e importante in atto anche con i funzionari del Masterplan ed il sindaco metropolitano Cateno De Luca”.

Si era anche pensato di chiedere alla Cassa Depositi e Prestiti di anticipare il quantum della progettazione dalle somme che verrebbero finanziate dallo Stato ma questa ipotesi non si è concretizzata, e ora sta entrando in campo direttamente la Regione, come già avvenuto su altri fronti e di recente in particolare nella copertura economica del maxi-progetto da 26 milioni che consentirà di realizzare il nuovo parcheggio dell’ospedale.

Al momento il comprensorio resta ostaggio della SS114, la strada statale che non ha alternative e dove si registrano frequenti incolonnamenti e spesso anche incidenti. Tutta la pressione veicolare si riversa su una sola arteria e il tentativo è quello ora di pianificare delle soluzioni differenti. Serviranno circa 300 mila euro per la progettazione del collegamento viario tra le contrade Mastrissa e Rossello, e circa 150 mila euro invece per altri due progetti riguardanti le opere tra Letojanni e Castelmola.

I 37 milioni riguardano tre progetti, come detto, per circa 37 milioni, e nello specifico il principale progetto da 22 milioni di euro prevede una strada che dovrebbe andare a collegare la popola contrada Mastrissa con Rossello (Castelmola-Taormina) per poi connettersi con un vecchio tracciato sino allo svincolo A18 a Giardini. Si prospetterebbe poi un collegamento rapido tra Castelmola, le aree periferiche tra Taormina e Castelmola e Giardini all’altezza del casello A18, accanto a Trappitello. Le altre due opere che prevedono il collegamento da contrada Ogliastrello-Blandina (Castelmola-Letojanni), con un progetto da 10 milioni, e un ulteriore iter da 5 milioni per l’asse viario tra la Rotabile Castelmola e il borgo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin