Mattarella nell'aula bunker ricorda il passato: "Il maxiprocesso fu una svolta nella lotta dello Stato alla mafia" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Mattarella nell’aula bunker ricorda il passato: “Il maxiprocesso fu una svolta nella lotta dello Stato alla mafia”

di
23 Maggio 2017
“In occasione del Maxiprocesso, l’Italia, nel suo complesso, fu capace di far sistema contro la mafia: giudici e forze dell’ordine, anzitutto, e, nelle loro responsabilità, Parlamento, Governo, giornalisti e opinione pubblica ne furono partecipi. Lo stesso impegno, di autentica coralità nazionale, visto nel Maxiprocesso di Palermo, è richiesto anche oggi per fronteggiare le insidie persistenti di una criminalità mafiosa che, seppure colpita, mantiene una grande capacità di trasformarsi e di mimetizzarsi”. Sono le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha ricordato nell’aula bunker dell’Ucciardone i 25 anni delle stragi di Capaci e via D’Amelio.
“Il risultato, così importante, del Maxiprocesso – ha continuato Mattarella – non fu dovuto a una concomitanza di circostanze favorevoli. Ma all’impegno, alla determinazione, al coraggio anzitutto dei suoi ideatori; e di chi lo condusse. Esso era il risultato di un metodo innovativo, sperimentato sul campo da molti anni, che vedeva la mafia come fenomeno unitario”. Un’ impostazione, che esigeva, insieme, “coordinamento, collaborazione e approfondita specializzazione tra magistrati preposti al suo contrasto, strumenti di indagine sempre più moderni ed efficaci, sviluppo della collaborazione internazionale”.
Non fu casuale, per il capo dello Stato, “che alcuni mafiosi, di peso nel loro mondo, decisero di collaborare con i magistrati. Era uno dei risultati di quella professionalità specifica, nella gestione delle indagini, che Falcone rivendicava come elemento irrinunziabile della lotta alla mafia. Una condizione che oggi, con le procure antimafia, nazionale e distrettuali, e con l’intensificarsi della collaborazione a livello internazionale, con la creazione di strutture apposite, ci sembra persino scontato ma che pure trovo’, negli anni di Falcone, obiezioni e ostilità”.
Per il Capo dello Sttao, oggi quelle impostazioni, quel metodo, “sono alla base della legislazione antimafia, non solo in Italia, ma in tante parti del mondo. Da allora si sono fatti grandi passi in avanti nel contrasto alla mafia e va sottolineato – come motivo di orgoglio della nostra democrazia – che i risultati sono stati raggiunti, come nella lotta contro il terrorismo, utilizzando al meglio le regole dello stato di diritto”.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin