Mattatoio lager nel Messinese, animali uccisi a colpi di mazza ferrata | VIDEO :ilSicilia.it

il fatto

Mattatoio lager nel Messinese, animali uccisi a colpi di mazza ferrata | VIDEO

di
9 Marzo 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sequestrato a Mongiuffi Melia in provincia di Messina un mattatoio clandestino dove gli animali venivano uccisi a colpi di mazze ferrate e macellati senza alcuna autorizzazione. I finanzieri del comando provinciale di Messina oltre al mattatoio nel messinese hanno sequestrato un allevamento di suini, ovini e caprini, autorizzato solo in parte, entrambi privi di qualsiasi documentazione sanitaria.

I militari della compagnia di Taormina hanno accertato come il titolare dell’attività, violando la normativa in materia, uccidesse gli animali con strumenti non regolari, provocando loro gravi sofferenze con inaudita crudeltà. Anche la conservazione delle carni macellate avveniva in celle frigorifere sprovviste dei requisiti minimi richiesti. Si trattava di una vera e propria fattoria lager.

Oltre ai coltelli a lama lunga, alle mazze di ferro del peso di svariati chilogrammi e alla cella frigorifera, i finanzieri hanno sequestrato 58 capi di bestiame ancora vivi, tra suini, ovini e polli, tutti pronti per la macellazione, privi di qualsiasi indicazione su provenienza e documentazione sanitaria. L’allevatore, infine, in qualità di titolare della ditta sottoposta a controllo, è stato denunciato per ricettazione e macellazione clandestina, che prevede la pena dell’arresto da 6 mesi ad un anno.

Nel corso del secondo controllo, invece, sempre nel territorio meliese, i finanzieri di Taormina, unitamente a funzionari dell’Asp di Taormina, accertavano come un’azienda agricola del luogo allevasse capi di bestiame, in particolare maiali, privi di qualsiasi indicazione sulla provenienza e la tracciabilità, nonché innumerevoli altri animali, tra ovini e caprini, ancora non sottoposti alla profilassi prescritta dalla normativa sanitaria.

Nel dettaglio, i 12 suini privi di marchio identificativo venivano sottoposti a sequestro penale, mentre i 166 animali privi di profilassi, analogamente cautelati ma solo sotto il profilo sanitario. Anche in questo caso, l’allevatore veniva segnalato alla Procura della Repubblica di Messina, quale responsabile del reato di ricettazione, nonché sanzionato amministrativamente per la mancata osservanza delle disposizioni sanitarie vigenti

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin