Matteo Cocchiara riconfermato alla presidenza dell'Asael :ilSicilia.it

Rinnovati consiglio regionale, giunta esecutiva e collegio garanti

Matteo Cocchiara riconfermato alla presidenza dell’Asael

di
29 Novembre 2018

Matteo Cocchiara è stato riconfermato per i prossimi cinque anni alla presidenza dell’Asael, l’associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani. L’elezione è avvenuta per acclamazione nel corso dell’Assemblea generale dei soci, che ha rinnovato anche gli organi statutari: Consiglio regionale, giunta esecutiva e collegio dei garanti. Nel suo intervento Cocchiara ha ringraziato i soci dell’Asael per la fiducia ricevuta e ha sottolineato il ruolo che l’Asael “è chiamata a svolgere in rappresentanza del mondo delle autonomie in un momento storico per la Sicilia, dove l’attività di interlocuzione con le istituzioni regionali deve essere costante offrendo anche la propria collaborazione per trovare soluzioni ai delicati temi che i Comuni sono chiamati a svolgere ogni giorno“.

Cocchiara ha poi aggiunto: “L’Asael sarà sempre più lo strumento che la nuova dirigenza metterà a disposizione dei sindaci e dei consiglieri comunali per l’approfondimento dei numerosi temi offerti dalla loro quotidiana attività al fine di individuarne le idonee soluzioni in un momento difficile della vita delle autonomie“.

Questa la composizione del nuovo Consiglio regionaleSalvatore Orlando, presidente del Consiglio comunale di Palermo; Leonardo Agnello, presidente Consiglio comunale di Petralia Soprana; Giuseppe Ferrara, consigliere di Cinisi; Luciano Marino, sindaco di Lercara Friddi; Piercalogero D’Anna, assessore di Bompietro; Gianfranco Gentile, presidente del Consiglio comunale di Pettineo; Leonardo Spera, sindaco di Contessa Entellina; Leonardo Lo Coco, esperto in fondi comunitari; Leonardo Ortolano, sindaco di Trabia; Antonino Mesi, sindaco di Montemaggiore Belsito; Vincenzo Pioppo, già segretario comunale; Tommaso Giuseppe Di Prima, presidente del Consiglio comunale di Castellana Sicula; Giuseppe Modica, consigliere di Valledolmo; Concetta Territo, vicesindaco di Villalba; Salvatore Alleca, presidente del Consiglio comunale di Isnello; Filippo Maria Tripoli, consigliere di Bagheria; Giuseppe Puglisi, sindaco di Piedimonte Etneo; Luigi Iuppa, sindaco di Geraci Siculo; Francesco Giuliana, già parlamentare regionale; Giuseppe Romanotto Giuseppe, consigliere di Monreale.

Questa la composizione della giunta esecutivaMatteo Cocchiara (presidente); Salvatore Saitta (vicepresidente); Francesco La Barbera (tesoriere); Angelo Pirrotta (segretario); Roberto Domina, presidente del Consiglio comunale di Gangi; Giuseppe Di Dato, consigliere di Villafrati; Bartolo Fazio, Salvatore Migliore, Michele Antico.

Questo il nuovo collegio dei garantiLeonardo Passarello (presidente); Raffaele Zarbo; Mauro Piscitello, presidente del Consiglio comunale di Castelbuono; Giuseppina Realmuto, vice presidente del Consiglio comunale di Baucina.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin