Maurizio Zamparini. Lettera di Auguri ai tifosi ed a tutti i siciliani :ilSicilia.it
Palermo

il patron rosanero

Maurizio Zamparini. Lettera di Auguri ai tifosi ed a tutti i siciliani

di
31 Marzo 2018

Maurizio Zamparini attraverso il sito ufficiale del Palermo invia qualche sua riflessione ed i suoi Auguri di Buona Pasqua non solo ai tifosi del Palermo ma a tutti i cittadini siciliani ed approfittiamo anche noi per accomunarci a questo augurio e ricambiare gli auguri a lui, la sua famiglia, tutta la società, giocatori e tecnici per una Felice e Santa Pasqua.

Questo il comunicato :

“Sento il piacere di trasmettere con questa lettera rivolta ai tifosi del Palermo Calcio, ai cittadini di Palermo e della Sicilia i miei migliori auguri per una felice Pasqua con le vostre famiglie.

È stato per il Palermo Calcio un periodo molto brutto per notizie fuorvianti sulla situazione finanziaria della Società, ma bello per i risultati sportivi che malgrado tutto stiamo ottenendo.

La sentenza del Tribunale ha dato certezze soprattutto a tutta la città, perché il Palermo è un valore della vostra città, valore che nei miei anni ho cercato di portare con orgoglio in tutto il mondo.

Sono ottimista sul futuro della Società, felice di avere molti collaboratori palermitani di qualità, a partire dal Presidente Giammarva al nostro Ufficio Legale, al nostro Ufficio Stampa, al nostro Team Manager, a tutto il personale tecnico e amministrativo: è una Società di Palermitani, della cui collaborazione sono fiero.

Sono molto dispiaciuto per l’immagine diversa dal vero che è stata data di me a chi non mi conosce: vorrei conoscervi tutti, specialmente i contestatori. Dal punto di vista economico io ho soltanto dato al Palermo, non avendo mai avuto in tutti questi anni un solo euro di ritorno economico per le mie finanze. Ho avuto, però, un enorme ritorno di affetto e di riconoscenza dalla città e specialmente dai tanti Palermitani del mondo.

La mia persona e le mie aziende sono sempre state e sono a disposizione di qualsiasi autorità inquirente, poiché io e le mie aziende, lo dico con orgoglio, siamo sempre stati trasparenti, così come qualsiasi movimento di denaro. Un fatto forse inconsueto per questo Paese ma è vero e lo dico con orgoglio. Ad oggi nessuno ha avuto il pensiero di sentire le mie ragioni e chiedere a me qualsiasi spiegazione. Sono sempre, in qualsiasi momento, a disposizione per farlo. Ho sempre pensato solo al futuro della Società, anche in questi ultimi anni difficili per la crisi del Paese, anche se gestire una Società di calcio diventa nel nostro Paese sempre più difficile.

Spero di trovare per voi, che siete i veri proprietari del Palermo Calcio, gli investitori con i mezzi adeguati per portare un nome importante come Palermo nel mondo d’eccellenza del calcio. Lavorando come sto facendo ci riuscirò, malgrado l’immagine negativa trasmessa dalle indagini fallimentari che hanno bloccato per otto mesi le trattative.

Paul Baccaglini shhhUscirò prestissimo dalla scena ufficiale del Palermo, ma resterò con la mia esperienza e gratuitamente a lavorare dietro le quinte per aiutare i nuovi proprietari. Lo studio legale di qualità incaricato eviterà di farmi imbattere in nuovi Baccaglini, che avevano carpito la mia buona fede con documenti che si sono dimostrati falsi.

Buona Pasqua e un abbraccio a tutti

Maurizio Zamparini “

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin