Maxi operazione contro la Stidda fra Sicilia e Lombardia, Gela sotto assedio | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Caltanissetta

in carcere oltre settanta boss e gregari

Maxi operazione contro la Stidda fra Sicilia e Lombardia, Gela sotto assedio

di
26 Settembre 2019

All’alba di oggi un maxi blitz della polizia ha decapitato la Stidda, a Gela, ma arresti sono avvenuti anche in Lombardia. La cittadina del Nisseno è stata letteralmente posta sotto assedio. Alla fine vengono arrestati in 50, ma l’ordinanza colpisce in tutto 75 persone. Gli arresti eseguiti a Gela sono 35, mentre una quindicina sono i “picciotti” fermati nel Nord Italia.

Gli arresti hanno colpito al cuore l’organizzazione mafiosa che negli ultimi decenni ha controllato il territorio della cittadina del nisseno. In carcere capi, semplici soldati dell’organizzazione e anche favoreggiatori. Con l’accusa, fra l’altro, d’aver gestito il traffico di droga nella zona, d’aver reinvestito gli utili del traffico servendosi di imprese di comodo e prestanome e dedicandosi ad autentiche estorsioni, anche con l’imposizione di loro prodotti alle aziende del nisseno. I clan avrebbero utilizzato quale anello di congiunzione tra i mafiosi e gli imprenditori i colletti bianchi, i quali individuavano i loro clienti disseminati principalmente tra Piemonte, Lombardia, Toscana, ma anche nel Lazio, Calabria e in Sicilia.

Metodi violenti, quelli usati dal clan, a capo del quale ci sarebbe stata la potente famiglia dei Di Giacomo. Tante le spedizioni punitive degli stiddari: con l’uso delle armi, danneggiamenti e incendi contro chi tentava di opporsi allo strapotere criminale. Sarebbero cinquecento gli uomini armati, in grado di scatenare una nuova guerra di mafia.

Le indagini hanno consentito di fotografare l’ala violenta del clan e di ricostruire numerosi episodi criminali, incluse le estorsioni ai commercianti e agli imprenditori che hanno trovato il coraggio di denunciare. Importanti le loro dichiarazioni, pure se le indagini erano in corso da tempo e si sono avvalse di altre attività investigative.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin