Maxi operazione contro la Stidda fra Sicilia e Lombardia, Gela sotto assedio | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Caltanissetta

in carcere oltre settanta boss e gregari

Maxi operazione contro la Stidda fra Sicilia e Lombardia, Gela sotto assedio

26 Settembre 2019

All’alba di oggi un maxi blitz della polizia ha decapitato la Stidda, a Gela, ma arresti sono avvenuti anche in Lombardia. La cittadina del Nisseno è stata letteralmente posta sotto assedio. Alla fine vengono arrestati in 50, ma l’ordinanza colpisce in tutto 75 persone. Gli arresti eseguiti a Gela sono 35, mentre una quindicina sono i “picciotti” fermati nel Nord Italia.

Gli arresti hanno colpito al cuore l’organizzazione mafiosa che negli ultimi decenni ha controllato il territorio della cittadina del nisseno. In carcere capi, semplici soldati dell’organizzazione e anche favoreggiatori. Con l’accusa, fra l’altro, d’aver gestito il traffico di droga nella zona, d’aver reinvestito gli utili del traffico servendosi di imprese di comodo e prestanome e dedicandosi ad autentiche estorsioni, anche con l’imposizione di loro prodotti alle aziende del nisseno. I clan avrebbero utilizzato quale anello di congiunzione tra i mafiosi e gli imprenditori i colletti bianchi, i quali individuavano i loro clienti disseminati principalmente tra Piemonte, Lombardia, Toscana, ma anche nel Lazio, Calabria e in Sicilia.

Metodi violenti, quelli usati dal clan, a capo del quale ci sarebbe stata la potente famiglia dei Di Giacomo. Tante le spedizioni punitive degli stiddari: con l’uso delle armi, danneggiamenti e incendi contro chi tentava di opporsi allo strapotere criminale. Sarebbero cinquecento gli uomini armati, in grado di scatenare una nuova guerra di mafia.

Le indagini hanno consentito di fotografare l’ala violenta del clan e di ricostruire numerosi episodi criminali, incluse le estorsioni ai commercianti e agli imprenditori che hanno trovato il coraggio di denunciare. Importanti le loro dichiarazioni, pure se le indagini erano in corso da tempo e si sono avvalse di altre attività investigative.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.