Maxi operazione per reati tributari, possibile impatto sulla cessione del Calcio Catania :ilSicilia.it
Catania

DOCUMENTI AL VAGLIO DEL TRIBUNALE DI CATANIA

Maxi operazione per reati tributari, possibile impatto sulla cessione del Calcio Catania

di
10 Luglio 2020

Possibili nuovi guai in vista per il Calcio Catania.

E’ stato scoperto un vorticoso giro di crediti tributari ‘fasulli’ creato attraverso il “reperimento e la costituzione di società ‘farlocche'”.

Al centro dell’operazione, fra le aziende scoperte dalla guardia di finanza di Catania nell’ambito dell’inchiesta ‘Fake credits‘, c’è l’associazione di datori di lavoro Confimed Italia, con sede a Roma e uffici a Catania.

Il presidente, Antonino Paladino, 57 anni, è stato arrestato. Sono stati inoltre condotti anche un dipendente del suo studio, Gaetano Sanfilippo, di 43 anni, e un consulente, Andrea Nicastro, di 46 anni.

LA SEDE DI CONFIMED E’ LA STESSA DI SIGI

La sede dell’azienda, come affermato anche dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, è la stessa della Sigi (Sport investment group Italia). Tale società è nata con lo scopo di partecipare al bando per rilevare le quote del Calcio Catania. Al momento però, tale organizzazione risulta estranea al blitz di stamani.

E’ ovvio che anche la sezione fallimentare del Tribunale di Catania sta esaminando queste situazione”, ha detto il procuratore rispondendo alle domande dei cronisti.

“Noi abbiamo rappresentato questo problema e anche le esigenze cautelari, in parte, nascono da questa esigenza“.

Un’operazione di salvataggio dei colori rossoblu che si preannuncia sempre più travagliata. Fra le possibili alternative al bando, secondo indiscrezioni, è stato palesato l’interesse per l’acquisto delle quote della Sicula Leonzio. L’offerta potrebbe arrivare da una nota azienda di autotrasporti etnea.

LA REPLICA DI SIGI

I soci della Sport investment group Italia Srl (Sigi),  hanno avviato una “pronta operazione di self-cleaning per potersi riorganizzare a stretto giro anche dal punto di vista finanziario, per poter partecipare alla gara competitiva, secondo gli intendimenti e gli obiettivi già noti“.

E’ quanto si legge in una nota della società, dopo gli esiti dell’inchiesta ‘Fake credits’.

La Sigi e i suoi soci – si legge nel comunicato – si sono prontamente riuniti per affrontare la situazione traumatica determinata dall’ordinanza cautelare che ha colpito lo studio dei commercialisti che seguiva la compagine e che si era impegnato anche a partecipare al capitale sociale“.

I rappresentanti “fanno rilevare di essere completamente estranei ai fatti contestati e confermano piena fiducia nell’operato degli inquirenti, fermo il diritto degli incolpati di essere riconosciuti non colpevoli“.

© Riproduzione Riservata
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.