Maxi raccolta firme a Mezzojuso: "Quereliamo Giletti e La7 per diffamazione" :ilSicilia.it
Palermo

RACCOLTE 150 DENUNCE

Maxi raccolta firme a Mezzojuso: “Quereliamo Giletti e La7 per diffamazione”

di
18 Febbraio 2019

Oltre 150 denunce-querele per diffamazione nei confronti del programma televisivo “Non è l’Arena”, sul canale La7, sono state sottoscritte nel fine settimana appena trascorso da diversi cittadini di Mezzojuso che si sono recati presso il locale castello dove l’associazione “Governo del Popolo”, con i suoi legali ed il suo presidente Francesco Carbone, ha raccolto le firme.

Domani mattina, con inizio alle ore 9, si terrà l’udienza preliminare dinanzi al Gup dott.ssa Stefania Gallì, del tribunale di Termini Imerese, sulla denuncia querela presentata dal primo cittadino, Salvatore Giardina, nei confronti del noto conduttore televisivo Massimo Giletti, rinviato a giudizio per il reato di diffamazione e calunnia con recidiva dal procuratore capo dott. Antonio Cartosio.

raccolta-firme-mezzojuso“Oltre 150 denunce – afferma visibilmente soddisfatto il sindaco Salvatore Giardina – sono state raccolte nel fine settimana presso il locale castello dall’associazione Governo del Popolo. Per una cittadina di 2800 abitanti, i cui maggiorenni non arrivano a 2000 unità, è un bel risultato che sfiora il 10-15% della popolazione;  almeno una rappresentanza per famiglia c’è stata e tenete conto che l’amministrazione comunale non ha partecipato. Voglio dire, ancora una volta, il mio grazie alle oltre 150 persone libere che nel fine settimana hanno, con grande orgoglio, denunciato La7 per aver infangato e denigrato, per oltre un anno, la nostra città”.

“Le denunce-querele saranno consegnate alla Questura di Caltanissetta – afferma Francesco Carbone, presidente dell’Associazione Governo del Popolo – si tratta di una querela contro l’emittente televisiva La7, il conduttore Giletti e coloro che in concorso hanno diffamato i cittadini onesti di Mezzojuso”.

 

LEGGI ANCHE:

Sorelle Napoli, il sindaco di Mezzojuso si scaglia contro Giletti

Le sorelle Napoli difendono la memoria del padre: “Calunnie, quereliamo” | Video interviste

Mezzojuso, sorelle Napoli: “E’ partita la macchina del fango”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin