22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.10
Palermo

RACCOLTE 150 DENUNCE

Maxi raccolta firme a Mezzojuso: “Quereliamo Giletti e La7 per diffamazione”

18 Febbraio 2019

Oltre 150 denunce-querele per diffamazione nei confronti del programma televisivo “Non è l’Arena”, sul canale La7, sono state sottoscritte nel fine settimana appena trascorso da diversi cittadini di Mezzojuso che si sono recati presso il locale castello dove l’associazione “Governo del Popolo”, con i suoi legali ed il suo presidente Francesco Carbone, ha raccolto le firme.

Domani mattina, con inizio alle ore 9, si terrà l’udienza preliminare dinanzi al Gup dott.ssa Stefania Gallì, del tribunale di Termini Imerese, sulla denuncia querela presentata dal primo cittadino, Salvatore Giardina, nei confronti del noto conduttore televisivo Massimo Giletti, rinviato a giudizio per il reato di diffamazione e calunnia con recidiva dal procuratore capo dott. Antonio Cartosio.

raccolta-firme-mezzojuso“Oltre 150 denunce – afferma visibilmente soddisfatto il sindaco Salvatore Giardina – sono state raccolte nel fine settimana presso il locale castello dall’associazione Governo del Popolo. Per una cittadina di 2800 abitanti, i cui maggiorenni non arrivano a 2000 unità, è un bel risultato che sfiora il 10-15% della popolazione;  almeno una rappresentanza per famiglia c’è stata e tenete conto che l’amministrazione comunale non ha partecipato. Voglio dire, ancora una volta, il mio grazie alle oltre 150 persone libere che nel fine settimana hanno, con grande orgoglio, denunciato La7 per aver infangato e denigrato, per oltre un anno, la nostra città”.

“Le denunce-querele saranno consegnate alla Questura di Caltanissetta – afferma Francesco Carbone, presidente dell’Associazione Governo del Popolo – si tratta di una querela contro l’emittente televisiva La7, il conduttore Giletti e coloro che in concorso hanno diffamato i cittadini onesti di Mezzojuso”.

 

LEGGI ANCHE:

Sorelle Napoli, il sindaco di Mezzojuso si scaglia contro Giletti

Le sorelle Napoli difendono la memoria del padre: “Calunnie, quereliamo” | Video interviste

Mezzojuso, sorelle Napoli: “E’ partita la macchina del fango”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.