Maxi rissa a Ballarò, Castiglia: "La Lega stia zitta. Il problema sono le piazze di crack ed eroina" :ilSicilia.it
Palermo

parla il presidente della prima circoscrizione

Maxi rissa a Ballarò, Castiglia: “La Lega stia zitta. Il problema sono le piazze di crack ed eroina”

di
28 Maggio 2020

Il presidente della prima circoscrizione Massimo Castiglia tira le somme di ciò che è avvenuto ieri sera all’Albergheria e non si lasciano attendere le sue polemiche nei confronti della Lega che ha indicato come “Far west” il mercato storico di Palermo.

La Lega è meglio che sta zitta. Non sa nemmeno dove sia l’Albergheria a Palermo. Non si è mai fatta nella storia politica di Palermo una riqualificazione come quella che sta avvenendo in questi anni. E le mie non sono parole, posso certificare quanto detto. Dalla regolarizzazione della vendita degli oggetti usati ad una nuovo ordinamento a favore del mercato di Ballarò alle opere infrastrutturali. E’ chiaro che il quartiere dove sono presenti più di 25 culture diverse non vive di logiche semplici”.

“Credo che ieri sia scattata la miccia a causa di un problema di droga. Ed è proprio lì che le istituzioni devono agire, nell’annullare le piazze di spaccio di crack ed eroina del quartiere. Solo così si può risolvere il problema – spiega Castiglia -. E’ chiaro che una parte dei migranti si inserisce in una fetta di criminalità internazionale a causa di necessità economiche e per senso di appartenenza. Non è notizia di oggi che nel quartiere è presente la Black Axe che gestisce prostituzione spaccio e criminalità. Ma la Lega, piuttosto che denigrare il quartiere,  faccia un mea culpa in merito alle loro inadempienze al consiglio comunale a favore del centro storico“.

Prima della rissa di ieri sera nel quartiere palermitano di Ballarò, un commerciante del Bangladesh era stato picchiato, martedì scorso, da alcuni palermitani. Sul pestaggio stanno indagando le forze dell’ordine.

Leggi anche

Maxi rissa a Ballarò tra migranti e palermitani. Un bimbo ed un gambiano in ospedale

Maxi rissa a Ballarò, arrestati due migranti del Gambia

Maxi rissa a Ballarò, il gruppo della Lega a Palermo: “Inaccettabile per una città civile”

© Riproduzione Riservata
Tag:

La redazione consiglia:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti