Maxi sbarco nell'Agrigentino, drone fotografa un barcone incagliato :ilSicilia.it
Agrigento

LA SEGNALAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE "MAREAMICO"

Maxi sbarco nell’Agrigentino, drone fotografa un barcone incagliato

di
25 Maggio 2020

Un barcone incagliato nei pressi di Palma di Montechiaro è stato fotografato da un drone dell’associazione Mareamico, sezione di Agrigento. A dichiararlo sono gli stessi ambientalisti, che hanno diffuso lo scatto in questione.

Lo scafo a motore è stato infatti immortalato nei pressi del luogo dove ieri è avvenuto l’attracco di oltre 4o0 migranti.

IL COMUNICATO DI MAREAMICO

Ieri mattina – spiegano – si e’ sparsa la voce di un doppio sbarco fantasma nei pressi del castello di Palma di Montechiaro. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto una grossa barca che abbandonava centinaia di migranti a pochi metri dalla riva, affiancato da un peschereccio di minori dimensioni“.

Scattato l’allarme le forze dell’ordine hanno intercettato e fermato solo una cinquantina di migrati in zona, mentre il drone di Mareamico ha trovato e fotografato un peschereccio di circa 12 metri di lunghezza, incagliato tra le pietre di Cala Vincinzina, che poteva contenere circa 80 migranti“.

E’ possibile quindi che l’imbarcazione in questione sia stata utilizzata per compiere lo sbarco.

70 MIGRANTI TRASFERITI A TARANTO

Intanto, i settanta tunisini che sono stati bloccati, dalle forze dell’ordine, dopo lo sbarco di ieri a Cala Vicinzina, a Palma di Montechiaro, saranno trasferiti a Taranto.

I naufraghi sono stati portati alla tensostruttura attigua alla banchina portuale di Porto Empedocle dove sono stati identificati e sottoposti alle prime visite sanitarie. Ai poliziotti che li hanno bloccati non hanno detto nulla su come siano arrivati fino a Palma di Montechiaro e su quanti fossero.

Un tunisino, ai giornalisti, ha ricostruito il viaggio del gruppo: “Siamo arrivati in barca, clandestinamente, siamo stati in mare tre notti, siamo partiti da Monastir“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.