Mazara del Vallo: nuove strategie per rilanciare la pesca del Mediterraneo | CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

Al blue sea land

Mazara del Vallo: nuove strategie per rilanciare la pesca del Mediterraneo | CLICCA PER IL VIDEO

di
30 Ottobre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il dibattito sul futuro della pesca del Mediterraneo è centrale in queste cinque giornate di “Blue Sea Land” 2021, promosse a Mazara del Vallo, con il supporto del governo Musumeci.

Alla decima edizione del festival abbiamo incontrato l’ingegnere Alberto Pulizzi, il Dirigente Generale del Dipartimento Pesca Mediterranea della Regione Siciliana. E il focus che fa da filo conduttore di tutta la manifestazione è proprio il Mediterraneo come scelta sostenibile per la ripartenza, la chiave per la resilienza economica dopo la pandemia da Covid 19.

“Abbiamo trattato l’argomento coinvolgendo interamente tutto il mondo della pesca, che è un settore delicatissimo – ha detto Alberto Pulizzi –  che soffre l’evolversi di tutta una serie di attività collaterali. Purtroppo lo sforzo di pesca è tale che il Mediterraneo non riesce a reggere bene le richieste che ci sono, quindi si sta cercando di individuare la via giusta per il prelevamento delle battute di pesca”, e il dato principale che sottolinea il dirigente Pulizzi è che “Questo mare va condiviso con tutti gli altri, sul Mediterraneo si affacciano due mondi completamente diversi, quello degli europei e quello degli amici del Nord Africa con norme diverse e che vanno a pescare negli stessi posti”. 

E’ necessario partire dall’ammodernamento del settore, rinnovando quella che è una flotta peschereccia “anziana” nei mezzi e infatti “Il sistema delle flotte va interamente sostituito. Ci sono delle imbarcazioni che non possono essere più ammodernate, sono troppo datate, con impostazioni a bordo non più sufficienti per poter pescare con i metodi nuovi. La Comunità europea deve mettere i nostri pescatori nelle condizioni di attivare in campo quanto necessario per rendere redditizia l’attività di pesca. Ammodernare comporta centinaia di migliaia di euro, e i costi vanno proporzionati agli investimenti che ci sono”.

Si è fatto il punto sulle politiche economiche organizzative disposte dall’Unione Europea che propone nuove sfide, e la combinazione di strategie forti si rende necessaria per soddisfare le aspettative comunitarie, perciò “Occorre un asse importante Palermo-Roma-Bruxelles per rifondare metodi e tecniche, e norme per la pesca del Mediterraneo. Indubbiamente nuove strategie funzionanti. La pesca da noi è in stato di diminuzione: i padri pescano e i figli non pescano. Non c’è il ricambio generazionale, perché evidentemente non è un’attività sufficientemente remunerativa”.

Dunque, l’obiettivo è sviluppare cooperazioni economiche con i Paesi transfrontalieri, partendo dal Mediterraneo e giungendo agli Stati bagnati dall’Oceano Indiano. Fare rete permette al Mediterraneo di diventare proficuo luogo di interscambio tra l’Italia e i Paesi del Maghreb, contribuendo a quelle che sono le fonti di reddito per i nostri pescatori e la classe imprenditoriale siciliana è pronta se supportata dalle istituzioni tutte.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.