Mazara del Vallo, un 2 giugno sicuro grazie ai controlli dei Carabinieri: 8 denunce :ilSicilia.it
Trapani

la verifica

Mazara del Vallo, un 2 giugno sicuro grazie ai controlli dei Carabinieri: 8 denunce

di
3 Giugno 2021

I Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, con il supporto della Compagnia di Intervento Operativo del 12° Reggimento Sicilia, hanno intensificato i controlli del territorio in vista della Festa della Repubblica svolgendo un’importante opera di prevenzione e repressione di reati.

Nella circostanza, le diversificate attività di controllo eseguite dai Carabinieri, con perquisizioni e accertamenti circa il rispetto del Codice della Strada, hanno portato a denunciare otto persone per vari reati e a segnalarne una alla locale Autorità Amministrativa per uso personale di sostanze stupefacenti.
In particolare, 2 persone di 25 e 31 anni sono state sorprese mentre smontavano parti meccaniche e di carrozzeria da alcune auto parcheggiate lungo la pubblica via: i due risponderanno di tentato furto.

Nel corso del servizio, i Carabinieri hanno denunciato un 40enne e un 34enne in quanto trovati in possesso di arnesi da scasso nonché un 23enne per il reato di evasione, in quanto rintracciato nel centro abitato.

Nello stesso contesto operativo, i militari dell’Arma sono intervenuti presso una abitazione di villeggiatura estiva che era stata abusivamente occupata da due stranieri.
Il servizio ha consentito anche di rintracciare un 46 enne mazarese che si era messo alla guida di una autovettura, sebbene sprovvisto di patente, e un 30enne che aveva con sé una modica quantità di crack.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin