Mazzata della Corte dei Conti sul Governo Crocetta, tra spese e un deficit da otto miliardi e quattrocento milioni di euro | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Tra i dati Istat e l'analisi della Corte dei Conti il Governo Crocetta tra due fuochi

Mazzata della Corte dei Conti sul Governo Crocetta, tra spese e un deficit da otto miliardi e quattrocento milioni di euro

7 Dicembre 2016

Criticità, spesa per le pensioni, il silenzio sulle manovre finanziarie in negativo. Sono solo tre dei colpi inferti a Crocetta e al suo governo dai magistrati della Corte dei Conti all’indomani della mazzata referendaria. I magistrati hanno evidenziato in una relazione come “L’amministrazione regionale non tenga conto della contrazione di nuovi debiti e, quindi, non considera tali poste e la relativa incidenza nel quadro tendenziale“.

corte-dei-conti

Sono state sottolineate le criticità tra cui entrate, spesa per le pensioni e, soprattutto, il mancato riferimento alle ultime manovre finanziarie, come l’accensione con la Cassa depositi e prestiti del mutuo da 65 milioni di euro per consentire ai Comuni di chiudere i bilanci dell’anno in corso per cui il deficit della Regione ha superato quota otto miliardi e 400 milioni. Secondo la magistratura contabile, inoltre, “Il Defr e la nota di aggiornamento non riescono a illustrare un percorso di politica delle entrate, coordinata con obiettivi programmatici individuabili in termini di risultati sperati, che non consistano nel mero raggiungimento dell’obiettivo finanziario di saldo positivo previsto dalle disposizioni di legge per il triennio 2017-2019“. Peraltro, il contenimento della spesa, più che da interventi contabili, è stato determinato dai quattro mila prepensionamenti in programma fino al 2020, che fino ad ora hanno si, portato risparmi per circa 141 milioni di euro, ma che avranno conseguenze sull’aumento della spesa per pensioni di 81 milioni, per cui alla fine il vero risparmio ammonterà a 61 milioni di euro.

Per le rimanenti misure di razionalizzazione e contenimento, nonché di allineamento alla normativa statale – registrano i giudici – non sono state fornite notizie o elementi tesi alla quantificazione dei risparmi“. Criticità, inoltre, sono state rilevate in materia di spesa previdenziale. Sembrano infatti discordanti le cifre inserite nel Defr del governo regionale, rispetto a quelle in possesso dei giudici della Corte dei Conti. “Credo che rispetto a qualche anno fa un punto di svolta ci sia stato, con rilievi più formali che sostanziali – questo il commento dell’assessore regionale all’Economia, Alessandro Baccei – qualche anno fa i rilievi erano più sostanziali e si parlava di entrate gonfiate, residui attivi inesigibili. Insomma una situazione che stava portando al default“. Preoccupante, in questa mareggiata, l’ultimo dato fornito da Istat che rende noto come più della metà dei siciliani, due milioni e 700 mila, siano a rischio povertà ed esclusione sociale. Non solo, il 27,3 per cento vive in uno stato di grave deprivazione. I Cinquestelle giudicano indicativo sia il dato statistico che la relazione della Corte dei Conti: “L’ulteriore conferma che il “governo della rivoluzione” (come lo definì Crocetta), a trazione Pd, è stato uno dei più fallimentari della storia della Sicilia“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03