Mazzette e arresti per tre funzionari, l'Anas reagisce : "Fatti inaccettabili" :ilSicilia.it

LE DICHIARAZIONI DI MASSIMO SIMONINI

Mazzette e arresti per tre funzionari, l’Anas reagisce : “Fatti inaccettabili”

21 Settembre 2019

In tarda mattinata è arrivato il comunicato ufficiale di Massimo Simonini, amministratore delegato di Anas, in merito all’operazione della guardia di finanza che ha portato all’arresto di Riccardo Contino, Giuseppe Panzica e Giuseppe Romano, dipendenti dell’ente nazionale per le strade, accusati del reato di corruzione.

Massimo Simonini
Massimo Simonini

“In riferimento agli arresti eseguiti a Catania, Anas comunica che, appena appresa la notizia, ha subito avviato le procedure amministrative per l’accertamento delle responsabilità dei soggetti coinvolti e l’adozione dei necessari provvedimenti“.

I fatti accaduti – continua Simonini – sono gravissimi e inaccettabili. Anas è un’azienda sana, fortemente impegnata nel contrasto dell’illegalità ed in particolare della corruzione. Anas, oltre a condannare in maniera netta l’episodio garantendo che i responsabili saranno perseguiti con assoluto rigore, rafforzerà ulteriormente le misure interne di controllo per evitare il ripetersi di questi episodi di corruzione“.

Questi comportamenti, oltre a lasciare sconcertati, fanno soltanto male all’immagine di una società dove migliaia di persone lavorano ogni giorno con professionalità, sacrificio, spirito di servizio e onestà per fornire al Paese il servizio essenziale della mobilità sulla rete stradale e autostradale. Siamo fiduciosi nell’operato della magistratura e delle forze dell’ordine, con le quali collaboreremo attivamente per fornire ogni utile contributo all’accertamento delle responsabilità“, conclude l’AD di Anas.

Strade siciliane e mazzette, arrestati tre funzionari dell’Anas

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.