"Medea", il sacrificio utile e doloroso di una donna selvaggia [Videointervista] :ilSicilia.it
Palermo

La recensione

“Medea”, il sacrificio utile e doloroso di una donna selvaggia [Videointervista]

di
25 Febbraio 2018

E’ Franco Branciaroli, poco prima del debutto al teatro Biondo (sala Grande) della “Medea” per la regia di Luca Ronconi, a delineare l’autentica identità, al limite dell’impenetrabile, del mito che ella rappresenta, “figura di un’irriducibile alterità, pronta a pietrificare chi cerchi di decifrare il suo segreto”.

L’infingimento di una Medea-uomo voluto da Ronconi, che già nel 1996 aveva visto Branciaroli come interprete, nella ripresa di Daniele Salvo, traduce scenicamente l’ambiguità della femminilità come maschera, funzionale al pubblico per “vedere” l’enigma nefasto che il coro, sulla scena, non percepisce.

Il sipario si apre in un’ambientazione anni ’50 (scene originali di Francesco Calcagnini riprese da Antonella Conte) con il lamento, arcaico, della nutrice (Elena Polic Greco) e con video proiezioni, tra viscere insanguinate e folle di persone in bianco e nero, che introducono alle vicende di una Medea che, semplicisticamente, non può essere identificata come “la donna tradita“.

Branciaroli è assolutamente padrone delpensiero-Medea“: in sottoveste, calzamaglia, trucco e parrucca modula sapientemente le stanze segrete dell’anima con voci e intonazioni diverse per rendere la sua condizione di esule, l’infelicità e l’ignominia che la spinge al sacrificio più alto “unendo l’utile al doloroso.

E tra file di poltrone da cinema, una scala maestosa che è la via per il palazzo del re e un lettuccio disfatto che non è più simbolo di unione coniugale, Branciaroli/Medea si muove con destrezza attoriale interagendo con le donne di Corinto, il moderno coro di casalinghe (Francesca Mària, Serena Mattace Raso, Odette Piscitelli, Alessandra Salamida, Elisabetta Scarano, Arianna Di Stefano, Matteo Bisegna, Raffaele Bisegna), con Egeo (Livio Remuzzi), Creonte (Antonio Zanoletti) e con Giasone (Alfonso Veneroso) “simpatico profittatore“, colpevole principalmente di aver tradito un giuramento.

Lo scopo delle regie di Ronconi è mostrare quanto è lontana da noi la tragedia greca, non ci è vicina per niente” ci ha detto Branciaroli e in effetti la pièce, pur nel coinvolgere lo spettatore non lo trascina mai, neanche quando di fronte si trova i due piccoli in abiti insanguinati, nel giudizio unilaterale verso la donna, il cui “sapere suscita o invidia o timore“.

Repliche fino al 4 marzo; sul sito del teatro orari e giorni delle rappresentazioni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.