Medici no vax e Green Pass, Mario La Rocca: "La libertà di uno finisce dove inizia quella di un altro" | VIDEO :ilSicilia.it

il servizio

Medici no vax e Green Pass, Mario La Rocca: “La libertà di uno finisce dove inizia quella di un altro” | VIDEO

di
21 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A più di un anno dalla pandemia, sono tantissimi i medici no vax che continuano a praticare la professione. A fronte dell’esistenza di una legge apposita, c’è ancora chi, tra il personale sanitario, rifiuta di vaccinarsi contro il Covid. Poco più di un mese fa l’Asp di Ragusa si è vista capofila in questa battaglia, con la sospensione di circa 30 tra medici, infermieri e operatori sanitari che sono stati sospesi per tali ragioni.

Oggi i numeri regionali sono ben diversi: su 43.215 medici in Sicilia, sono 5768 i non vaccinati, ovvero il 17%. Ancora peggio è per gli infermieri che su 34.556, sono 9567 non vaccinati. I medici dipendenti delle aziende che stanno applicando adesso tutte insieme un’azione coercitiva sono 672.

I dati sulla variante Delta ci stanno facendo capire che ancora con il Covid dobbiamo combattere a lungo. Questa variante è molto aggressiva“, dice Mario La Rocca, dirigente generale del Dipartimento Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico della Regione Siciliana.

I dati dei ricoveri di ieri sono preoccupanti. Sono 33 i ricoverati in terapia intensiva senza vaccino a Palermo, tra cui è compreso anche un uomo di 70 anni: “Ha avuto tanti mesi a disposizione per vaccinarsi e ha scelto di non farlo. Oggi non mancano i vaccini e organizzazione, ma manca la scelta consapevole di quello che è più utile per sé e per gli altri“, aggiunge La Rocca.

Che questa scelta dissennata la faccia una persona senza particolari conoscenze scientifiche lo posso anche capire, ma che la faccia un medico è una cosa disarmante. C’è tra l’altro una legge che prescrive un obbligo di vaccinazione. Questi medici hanno ritenuto di mettere a repentaglio la loro vita e quella degli altri“, afferma il direttore.

Se quindi tra i medici e il personale sanitario non c’è ancora un’opinione coesa, non esiste nemmeno tra i cittadini, che hanno iniziato una battaglia quasi etica: vaccino si, vaccino no. A fomentare l’aggressività tra le due “fazioni” adesso è la libertà che il Green pass garantisce a chiunque sia vaccinato, contrariamente a quanto succede per chi non lo è. Già qualche ristorante ha esposto i cartelli: No ai no vax, con una bella striscia rossa di divieto stampata sopra.

Sono scelte politiche – continua La Rocca – In condizioni così critiche è necessario avere il pugno di ferro e la fermezza nell’adottare delle scelte responsabili. Io sono assolutamente d’accordo con l’utilizzo quando più ampio possibile del Green pass, soprattutto in una fase in cui i vaccini sono stati messi a disposizione di tutti: non ti vuoi vaccinare? Alcune cose non le fai, perché la nostra libertà finisce dove inizia quella di un altro“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin