Medici specializzandi malpagati, in Sicilia 30 milioni di rimborsi :ilSicilia.it

Al terzo posto tra le regioni italiane

Medici specializzandi malpagati, in Sicilia 30 milioni di rimborsi

13 Giugno 2019

Quasi 30 milioni di euro in Sicilia riconosciuti ai medici specializzandi come rimborso per l’errato trattamento economico: a tanto ammonta la somma di denaro che è stata riconosciuta fino al 2018. I beneficiari sono dottori a cui era a stato negato il corretto trattamento economico durante il corso post laurea. Il dato è reso noto da Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario

La Sicilia si trova al terzo posto nella classifica delle regioni italiane per ammontare dei rimborsi. Sul gradino più alto del podio delle regioni più rimborsate c’è il Lazio, con oltre 78 milioni, la Lombardia, che ha superato i 51 milioni.

Per la maggior parte si tratta di personale medico che si è specializzato tra il 1978 e il 2006. E il numero di sentenze che si pronunciano in tal senso potrebbe essere destinato ad aumentare. Grazie alle azioni collettive i medici continuano a veder riconosciuto il diritto previsto dalle direttive Ue.

La sentenza di riferimento è la 5362/16 della Corte di Appello di Roma, che ha confermato la giurisprudenza a favore dei camici bianchi che hanno presentato il ricorso. In tutta Italia il contenzioso complessivo ha visto gli ex specializzandi ottenere oltre 530 milioni di euro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona