Medicina, la distribuzione dei posti all'Università. In Sicilia più studenti per le professioni sanitarie :ilSicilia.it

I numeri

Medicina, la distribuzione dei posti all’Università. In Sicilia record per le professioni sanitarie

di
1 Luglio 2020

Test d’ingresso 2020 con posti in deciso aumento per Medicina e Professioni Sanitarie, sicuramente effetto dell’esperienza del coronavirus che ha dimostrato la necessità di avere una sanità sempre più efficiente. I bandi vedono – tra atenei pubblici e privati – un netto incremento di posti disponibili rispetto all’anno scorso. Così come segnalato dall’analisi effettuata da Angelo Mastrillo, segretario della Conferenza dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie, riassunta dal sito Skuola.net.

AUMENTANO LE OPPORTUNITA’ PER LE ASPIRANTI MATRICOLE DI AREA SANITARIA: In particolare, per il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia – le cui selezioni ci saranno il 3 settembre – si registra un +13% (in totale 1.504 posti in più, dagli 11.568 del 2019 a 13.072 di quest’anno). Mentre per le Professioni Sanitarie – per le quali i test si svolgeranno l’8 settembre – ci sono 1.206 posti in più rispetto a dodici mesi fa (+4,7%), passando da 25.396 a 26.602 posti. A completare il quadro, per restare nella stessa area didattica, un +8,6% per Odontoiatria (+98 posti, da 1.133 a 1.231) e un +17,3% per Veterinaria (+131 posti, da 759 a 890).

QUASI TUTTI I CORSI AVRANNO PIU’ POSTI A DISPOSIZIONE: Anche se, come sempre, la situazione non è omogenea per tutte le specializzazioni nè per l’intero territorio nazionale. Concentrandoci sulle Professioni sanitarie, la cui offerta formativa è sicuramente più articolata, l’aumento è però generalizzato e riguarda quasi tutte le 22 discipline, a eccezione di 4: Dietista (-5%), Igienista Dentale (-4%), Tecnico Audioprotesista (-5%) e Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria (-2%). L’incremento maggiore, in valori assoluti, è per Infermieristica con +924, da 15.069 a 16.203 (+6%), Educatore professionale con +67 posti (da 673 a 740), Infermiere Pediatrico con +38(da 173 a 211) e Tecnico di Laboratorio con +32 (da 780 a 812). Seguono Assistente Sanitario (da 327 a 352), Ostetricia (da 831 a 855) e Tecnico Audiometrista (da 51 a 80).

PROFESSIONI SANITARIE, REGIONI CRESCONO, SVETTA LA SICILIA: Dinamiche simili per quel che riguarda la distribuzione regionale. Solo in due casi i posti sono diminuiti: -48 per la Provincia di Bolzano (-16%, da 295 a 247) e -40 per la Calabria (-7%, da 585 a 545). Tutte le altre, invece, hanno il saldo in attivo. La Sicilia la più virtuosa: +237 posti (da 1.425 a 1.662), quasi tutti per Infermiere. A seguire (con 139 posti in più) sia le Università del Veneto (da 1.915 a 2.054 che corrispondo al +7%) che del Lazio (da 4.730 a 4.869, che si traducono in un +3%). Quindi, con +109 posti, la Toscana (da 1.686 a 1.795 e un +6%) e la Sardegna con +105 (+22%, da 483 a 588). Sotto la tripla cifra, con +97 posti, troviamo sia il Piemonte (da 1.624 a 1.721 e un +6%) sia l’Emilia Romagna (+4%, da 2.193 a 2.290). Poi le Università della Lombardia con +75 (da 3.723 a 3.808, ovvero il +2%) e tutte le altre con valori inferiori: Umbria con +67 (da 452 a 519, ma che sono ben il 15% in più), Marche (da 324 a 598 e +12%) e Puglia (da 1.201 a 1.265 e +5%) entrambe con +64 posti. Infine: +40 in Molise (da 158 a 198); +27 in Abruzzo (da 787 a 814), +26 in Friuli Venezia Giulia (468 a 494), +21 Campania (da 1.986 a 2.007), +10 in Liguria (da 648 a 658). –

NUOVI CORSI IN ARRIVO, ANCHE PER MEDICINA: Anche il numero assoluto dei corsi però, nel prossimo anno accademico, seppur lievemente, crescerà: si passa da 431 a 445. Con la prima attivazione di 6 Corsi: Ostetricia all’Università di Milano S. Raffaele, Tecnico Ortopedico a Verona, Tecnico Audiometrista a Padova, Educatore Professionale e Tecnico di Neurofisiopatologia a Cagliari e Tecnico di Radiologia a Sassari. Non mancano le disattivazioni o sospensioni ma quasi sempre sono sostituite con nuove discipline, per la procedura a cicli alternati fra i vari corsi. Lo stesso avviene per le magistrali a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria. Sono ben 9 – tra debutti e distaccamenti – i nuovi corsi: 2 per Odontoiatria (Roma UniCamillus e Cagliari); 7 per Medicina e Chirurgia (a Enna e Trento si aggiungono cinque nuove sedi distaccate come Treviso per Padova, Taranto per Bari, Forlì e Ravenna per Bologna, Cotignola per Ferrara).

(fonte Ansa)

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.