Mediterraneo, mare di morte. Questa volta "soltanto" otto vittime | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

Salvati 1400 migranti, in azione guardia costiera e ong

Mediterraneo, mare di morte. Questa volta “soltanto” otto vittime

di
22 Novembre 2016

1400 vite umane in salvo e otto vittime. Continuano gli sbarchi di migranti diretti sulle coste siciliane, continua l’esodo di massa dalla Libia in fiamme. L’ennesima operazione di soccorso è stata portata a termine questa mattina da una missione congiunta tra militari e Ong. Il bilancio, ancora provvisorio, è di 1400 persone tratte in salvo e otto morti. Gli otto cadaveri sono stati recuperati questa mattina a largo della costa libica durante le operazioni di soccorso coordinate dalla centrale operativa nella sede di Roma della Guardia Costiera. Ancora in corso gli interventi di salvataggio e fino a ora sono stati tratti in salvo 1400 migranti: l’urgenza di cure per alcuni profughi ha determinato la disposizione di soccorso medico immediato. La nave Diciotti della Guardia Costiera è stata raggiunta da un elicottero che ha preso a bordo una donna in arresto cardiaco e che ha poi recuperato a bordo della nave Topaz Responder dell’ong Moas e trasferito a terra due persone in grave stato di ipotermia. Oltre alle due imbarcazioni, alle operazioni di soccorso hanno partecipato anche diverse unità navali di Organizzazioni non governative tra le quali Save The Children e Life Boat.

Nel Canale di Sicilia, in queste ore, oltre ai battelli “istituzionali”, sono presenti almeno dodici pattuglie di salvataggio che lavorano sotto le insegne delle Ong. Nonostante il dispiegamento di forze di fronte ai porti libici, controllati in parte dal Generale Haftar e in parte dalle milizie filo islamiche, le partenze continuano senza sosta. Dando così ragione al report pubblicato questa estate dall’Antiterrorismo che immagina l’esistenza di una filiera del traffico internazionale di esseri umani in grado di mettere d’accordo i network criminali e le bande islamiste.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.