Memorial Adolfo Celi: due giorni di eventi al Museo di Messina dedicati al grande attore :ilSicilia.it
Messina

Il 29 e 30 giugno

Memorial Adolfo Celi: due giorni di eventi al Museo di Messina dedicati al grande attore

di
11 Giugno 2022

Una due giorni ricca di eventi in occasione del centenario della nascita di un artista messinese noto a livello internazionale: Adolfo Celi. Teatro della due giorni sarà il Museo di Messina, a testimonianza del grande valore che si vuol dare al Memorial organizzato dal Cirs in partnership con il Taormina Film Fest.

Il Memorial Adolfo Celi 2022  è finalizzato alla raccolta fondi per le donne in stato di disagio ospiti del Cirs, ma da sempre le iniziative dell’Ente mirano a stimolare le istituzioni affinchè la città ritrovi identità anche riappropriandosi della Rassegna del Cinema che un tempo animava le estati messinesi.

Il 29 e 30 giugno quindi saranno due giorni tra cinema, cultura, arte e impegno nel sociale. L’intero ricavato infatti sarà destinato ai progetti del Cirs. “L’evento raddoppia per la sua terza edizione- spiega Marika Micalizzi – proprio in onore del centenario della nascita di Adolfo Celi; per celebrare l’attore dal punto di vista non solo artistico ma anche umano”.

Adolfo Celi, attore, regista e sceneggiatore messinese ha conquistato il pubblico internazionale sia al cinema che in televisione. Trasferitosi per 15 anni in Brasile è considerato uno dei più noti registi del Paese, dove creò una compagnia teatrale e pose le basi di una sperimentazione cinematografica e televisiva all’epoca solo agli esordi. Rientrato in Italia lavorò con attori di calibro internazionale e fece parte del cast della nota trilogia  “Amici miei” (era il professor Sassaroli, il primario del gruppo che si divertiva a fare le zingarate).

Il Memorial presentato in conferenza stampa al Marina del Nettuno Yachting Club, si terrà il 29 e il 30 giugno al Museo Regionale di Messina.  All’incontro con i giornalisti hanno partecipato la presidente del Cirs Maria Celeste Celi, l’architetto Marisa Mercurio in rappresentanza del MuMe ed alcuni dei protagonisti dell’iniziativa, tra cui lo sceneggiatore e scrittore Mario Falcone, uno dei premiati di questa edizione del Memorial, il presidente di Assopanificatori Francesco Arena e la dirigente scolastica dell’IIS Antonello Laura Tringali.

In collegamento web sono intervenute la figlia dell’artista Alexandra CeliMio padre era molto fiero di essere messinese, sarebbe onorato per tutto ciò che state realizzando; noi siamo molto felici abbiate regalato alla sua memoria un evento così importante”e la sovrintendente della Fondazione Taormina Arte Ester Bonafede,vogliamo manifestare il nostro apprezzamento e la volontà di sostenere l’iniziativa quest’anno e gli anni che seguiranno, perché va valorizzato ciò che unisce la cultura alla solidarietà”.

Il Memorial torna per la sua terza edizione (presentata dalla giornalista Marika Micalizzi insieme ad Alfredo Catarsini e Massimo Russotti) nella splendida cornice del Museo di Messina che, come spiega l’architetto Marisa Mercurio, “Vuol farsi culla della bellezza. E’ importante questa congiunzione tra cultura, cinema, solidarietà”. L’evento infatti è stato reso possibile grazie al forte sostegno dei tanti partner solidali.

Il programma del 29 giugno prevede alle 18.30 il convegno “Adolfo Celi: un mito messinese da riscoprire”, a cui interverranno come relatori oltre a Leonardo ed Alexandra Celi, il regista Christian Bisceglia, il critico cinematografico Nino Genovese e Il prof. Filippo Grasso, delegato del Rettore al Turismo. A moderare l’incontro sarà il giornalista Lucio Di Mauro.

Seguirà la proiezione del docufilm “Adolfo Celi, un uomo per due culture” diretto dal figlio Leonardo e teso a ricostruire l’influenza che l’attore ebbe sia in Italia sia in Brasile, i due Paesi in cui visse, attraverso autorevoli testimonianze.   Il film riflette sulla figura del padre, e sul suo amore diviso tra la terra natia e il Brasile, dove passò tantissimi anni, divenendo un simbolo del nuovo cinema e del nuovo teatro.

Il 30 giugno invece sarà la giornata del gran Galà solidale, a partire dalle 20.30 sempre al MuMe, con la consegna dei Premi Adolfo Celi ad Emanuele Salce, figlio del regista e attore Luciano Salce amico fraterno di Celi e Katia Greco, affermata attrice messinese molto nota al grande pubblico e prossimamente al cinema in un film con Claudia Cardinale. Saranno premiati inoltre il presidente della casa di produzione cinematografica Cinemaset Antonio Chiaramonte e il presidente dell’associazione Antimafia e Legalità Enzo Guarnera, per il loro contributo nella diffusione di film contro la violenza e  lo sceneggiatore Mario Falcone.

Ho amato tantissimo Adolfo Celi- ha detto Falcone– prima ancora come spettatore che come addetto ai lavori, perché poteva fare qualunque cosa. Lo ricordo nei primi 007 così affascinante, un personaggio mitico; fu incredibile per me, ai tempi, scoprire che fosse di Messina. Io sono un immigrato di ritorno, dopo aver vissuto 42 anni a Roma, ho deciso di tornare a casa, sono un Ulisside… Ma, pur stando lontano, sono sempre stato connesso con Messina ed essere premiato così, nella mia terra, è un grande onore”.

Poi si lascerà spazio alla musica con l’Orchestra Filarmonica di Giostra diretta da Giuseppe Lo Presti, e la partecipazione straordinaria del Maestro Francesco Attardi; con la performance musicale de “I quarto canale” che con il brano “il disertore” proporranno una riflessione sulla guerra; e con l’esibizione di Tony Canto, cantautore dallo stile eclettico, che farà da ponte ideale tra le melodie della tradizione nostrana e quella brasiliana. Per questo stesso motivo, Helio Ramos, ambasciatore brasiliano, sarà un grande ospite d’onore. Non mancherà, poi, il teatro, grazie alla compagnia “Salvis Iuribus” dell’Ordine degli Avvocati che porterà in scena dei dialoghi tratti dai film di Adolfo Celi.

La manifestazione, oltre a celebrare l’illustre messinese, si propone come un appuntamento dall’alta valenza sociale. Il Cirs infatti ha bandito anche quest’anno un concorso di cortometraggi sul tema della violenza di genere che ha coinvolto registi e studenti delle scuole messinesi, con l’obiettivo di attuare azioni di informazione e contrasto al problema.

Nel corso del Galà del 30 giugno saranno proclamati dunque anche i vincitori del concorso di corti, selezionati da una giuria altamente qualificata e assegnati i “Premi Solidarietà- Cirs” a persone che si sono distinte per spirito di servizio e impegno nel sociale.

Prima dell’inizio dello spettacolo si svolgerà un rinfresco-degustazione curato da Assopanificatori di Confesercenti Messina, con la collaborazione dell’I.I.S Antonello.

L’intero ricavato dell’evento sarà devoluto al Cirs. Per prenotare gli inviti è possibile chiamare il Cirs allo 090.40820.

La violenza di genere è un tema caro, infatti, al Cirs, contro il quale da anni combatte.  “I fondi raccolti dall’evento saranno interamente devoluti alle attività a sostegno di donne e bambini vittime di violenza, ospiti della Casa Famiglia del C.I.R.S.” spiega la presidente Maria Celeste Celi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.