Mercati rionali a Palermo. Viale Francia: nessuna chiusura del cantiere all'orizzonte, continua l'incubo per i residenti :ilSicilia.it
Palermo

Occupato dagli abusivi pure il piazzale davanti la Chiesa

Mercati rionali a Palermo. Viale Francia: nessuna chiusura del cantiere all’orizzonte, continua l’incubo per i residenti

di
17 Aprile 2018

La questione dei mercati rionali non è nuova a Palermo, è diventato un problema insostenibile, del quale i residenti dei vari quartieri ne segnalano costantemente i disagi, in quanto settimanalmente vedono aumentare il traffico a causa della chiusura delle strade per consentire la disposizione delle bancarelle, si ritrovano in mezzo alla sporcizia che rimane dopo che il tutto viene smontato, ma il vero problema è che di fatto mancano controlli adeguati affinché tutto questo non avvenga.

Nel caso di viale Francia, ad esempio, il martedì, ormai da 4 anni, si è trasformato in un incubo per i residenti. Tutto questo perché ancora non sono stati completati i lavori per il raddoppio ferroviario che dovrebbero concludersi a giugno “ma il condizionale è d’obbligo: troppi i rinvii che si sono susseguiti – spiega Marcello Susinno, consigliere comunale di Sinistra Comune –

Marcello Susinno
Marcello Susinno

Doveva trattarsi di un provvedimento provvisorio, quello di spostare il mercato in via dei Nebrodi, al massimo di due anni: per questo alla fine i residenti lo avevano accettato con rassegnazione.

Tuttavia i tempi per la consegna dei lavori ancora oggi sono incerti, infatti, il contenzioso Rfi-Sis rischia di ritardare ulteriormente la chiusura del cantiere perchè l’azienda appaltante chiede un extra di cento milioni di euro per le varianti“.

Sabrina Figuccia
Sabrina Figuccia

Stamattina –  afferma Sabrina Figuccia consigliere comunale dell’Udc – con i colleghi della Settima Commissione Consiliare, il presidente Rosario Arcoleo (Pd), Giuseppina Russa (Sicilia Futura), Marcello Susinno (Sinistra Comune) e Claudio Volante (I Coraggiosi) abbiamo effettuato un sopralluogo. Nel corso della visita, abbiamo purtroppo constatato la totale assenza la totale assenza della segnaletica indicante gli stalli occupati, non si sa bene a che titolo, dai commercianti. Inoltre, non c’erano bagni chimici, con il caos che regna sovrano.

Ma, il dato che ci ha colpito maggiormente – continua la Figuccia –  è come i venditori ambulanti abbiano occupato completamente l’ampio piazzale davanti la chiesa Mater Ecclesiae, tanto da impedire qualunque funzione, sia che si tratti di funerali o altro. Insomma, come spesso accade, i mercatini diventano un sorta di regno di nessuno, dove tutti si sentono in diritto di fare qualsiasi cosa, senza alcun rispetto delle più elementari regole. Ma chi deve controllare, dov’è? Probabilmente seduto su qualche comoda poltrona”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.