Mercati rionali a Palermo. Viale Francia: nessuna chiusura del cantiere all'orizzonte, continua l'incubo per i residenti :ilSicilia.it
Palermo

Occupato dagli abusivi pure il piazzale davanti la Chiesa

Mercati rionali a Palermo. Viale Francia: nessuna chiusura del cantiere all’orizzonte, continua l’incubo per i residenti

di
17 Aprile 2018

La questione dei mercati rionali non è nuova a Palermo, è diventato un problema insostenibile, del quale i residenti dei vari quartieri ne segnalano costantemente i disagi, in quanto settimanalmente vedono aumentare il traffico a causa della chiusura delle strade per consentire la disposizione delle bancarelle, si ritrovano in mezzo alla sporcizia che rimane dopo che il tutto viene smontato, ma il vero problema è che di fatto mancano controlli adeguati affinché tutto questo non avvenga.

Nel caso di viale Francia, ad esempio, il martedì, ormai da 4 anni, si è trasformato in un incubo per i residenti. Tutto questo perché ancora non sono stati completati i lavori per il raddoppio ferroviario che dovrebbero concludersi a giugno “ma il condizionale è d’obbligo: troppi i rinvii che si sono susseguiti – spiega Marcello Susinno, consigliere comunale di Sinistra Comune –

Marcello Susinno
Marcello Susinno

Doveva trattarsi di un provvedimento provvisorio, quello di spostare il mercato in via dei Nebrodi, al massimo di due anni: per questo alla fine i residenti lo avevano accettato con rassegnazione.

Tuttavia i tempi per la consegna dei lavori ancora oggi sono incerti, infatti, il contenzioso Rfi-Sis rischia di ritardare ulteriormente la chiusura del cantiere perchè l’azienda appaltante chiede un extra di cento milioni di euro per le varianti“.

Sabrina Figuccia
Sabrina Figuccia

Stamattina –  afferma Sabrina Figuccia consigliere comunale dell’Udc – con i colleghi della Settima Commissione Consiliare, il presidente Rosario Arcoleo (Pd), Giuseppina Russa (Sicilia Futura), Marcello Susinno (Sinistra Comune) e Claudio Volante (I Coraggiosi) abbiamo effettuato un sopralluogo. Nel corso della visita, abbiamo purtroppo constatato la totale assenza la totale assenza della segnaletica indicante gli stalli occupati, non si sa bene a che titolo, dai commercianti. Inoltre, non c’erano bagni chimici, con il caos che regna sovrano.

Ma, il dato che ci ha colpito maggiormente – continua la Figuccia –  è come i venditori ambulanti abbiano occupato completamente l’ampio piazzale davanti la chiesa Mater Ecclesiae, tanto da impedire qualunque funzione, sia che si tratti di funerali o altro. Insomma, come spesso accade, i mercatini diventano un sorta di regno di nessuno, dove tutti si sentono in diritto di fare qualsiasi cosa, senza alcun rispetto delle più elementari regole. Ma chi deve controllare, dov’è? Probabilmente seduto su qualche comoda poltrona”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin