Messa in sicurezza di Capo Alì: pronto il progetto di fattibilità :ilSicilia.it

l'iter verso la svolta

Messa in sicurezza di Capo Alì: pronto il progetto di fattibilità

18 Settembre 2019

Si stringono i tempi per la messa in sicurezza della SS114 nel tratto di Capo Alì interessato a ripetizione da eventi franosi nel corso degli anni.

Il progetto di fattibilità tecnico-economica è pronto: è quanto emerso nel corso di un vertice svoltosi a Palermo, presso il Commissario di governo per il dissesto idrogeologico, tra Anas e i sindaci della zona. Su iniziativa della parlamentare siciliana Urania Papatheu si sono trovati a confronto l’ingegnere Valerio Mele (Coordinatore Territoriale Anas Sicilia), ingegnere Cristiano Fogliano (Capo Centro Anas Messina), Nino Melato (vicesindaco di Alì Terme) e Antonino Crisafulli (sindaco Itala) e Antonino Moschella (sindaco Scaletta Zanclea).

Anas ci ha illustrato il progetto predisposto per la messa in sicurezza dell’area, che è stato redatto comprendendo tutte le criticità della SS114evidenzia Melato -. Per quanto riguarda Ali Terme è stata prevista una galleria paramassi di 400-500 metri e la rimanente parte verrà protetta tramite reti corticali. In questo caso si parla di un’opera per un costo tra i e 15 e 18 milioni. Al momento parliamo di un progetto di fattibilità tenendo conto che quello definitivo potrebbe poi modificare i costi dell’intervento. Su Scaletta sono state previste 3 gallerie nel contesto di un progetto da 13 milioni di euro”.

“Questa riunione – afferma la Papatheu – segna un ulteriore passo in avanti verso la necessaria messa in sicurezza del costone di Capo Alì, un’emergenza che va risolta una volta per tutte a salvaguardia della pubblica incolumità. Per questo ho voluto un ulteriore confronto, per accelerare il completamento dell’iter. Agire in sinergia, come sta avvenendo in questo caso, è essenziale per affrontare in modo incisivo l’emergenza SS114, che minaccia l’incolumità degli automobilisti e ha creato pericoli e disagi per i cittadini”.

Nel corso della riunione si è stabilito che Anas darà ora incarico per la realizzazione del progetto definitivo ed intende procedere tramite accordi-quadro, il che potrebbe velocizzare la procedura. “Disporremo del progetto tra due settimane – aggiunge Melato – e nel frattempo attendiamo conferma di questa opportunità di inserire la progettazione in un ambito di accordo quadro che è fondamentale per accorciare i tempi. A quel punto, nel 2020, da qui a un anno circa, si potrà andare in conferenza dei servizi presso il Commissario per il dissesto idrogeologico”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.