Messina: 9 anni di "Posto occupato" contro la violenza sulle donne :ilSicilia.it
Messina

Femminicidi

Messina: 9 anni di “Posto occupato” contro la violenza sulle donne

di
28 Giugno 2022

Sono trascorsi 9 anni ma nonostante le battaglie di sensibilizzazione contro i femminicidi e la violenza sulle donne i numeri sono impietosi. Maria Andaloro 9 anni fa ha creato “Posto occupato”, campagna di sensibilizzazione sociale, virale e gratuita contro la violenza sulle donne, facendo un gesto simbolico, mettendo il primo posto riservato a Rometta il 29 giugno del 2013 per ricordare le donne senza voce, uccise troppo spesso da chi diceva di amarle, eliminate, cancellate.  Quel posto, in tutta Italia e non solo, ha subito scosso le coscienze facendolo diventare memoria e monito per chi resta, per non sottovalutare mai i “sintomi” della violenza.

Da quel  29 giugno del 2013 Posto occupato ha fatto tanta strada e provato a dare tanta voce a chi non ne ha. Ha fatto rete, è riuscito a volare. Ma i numeri sono davvero terribili.

“Avevo deciso di concentrarmi per i 10 anni attività facendo passare il 2022 senza appuntamenti, ma poi 7 donne uccise in 5 giorni la scorsa settimana, Elena la bambina di 5 anni uccisa dalla madre, le altre due donne ammazzate l’altro ieri, pretendevano voce e spazio, non silenzio- commenta Maria Andaloro- E così, nonostante il pochissimo tempo, ho pensato di organizzare un incontro”

L’appuntamento è per il 29 giugno del 2022 9 anni di “Posto occupato”: la rete e il territorio. Presso la Sala del Consiglio della Città Metropolitana – Palazzo dei Leoni (ex Provincia Regionale). Corso Cavour 87 alle ore 17.30

All’incontro sono stati invitati i sindaci e gli assessori alle politiche sociali e pari opportunità dei comun di Messina e della provincia nei quali sono presenti i CAV (Centri antiviolenza) e il personale impegnato nelle politiche sociali (dirigenti e/o assistenti sociali). Previsti inoltre gli interventi di due studentesse, Martina e Aurora; di Vera Squadrito mamma di Giordana di Stefano, vittima di femminicidio, di Mariella Crisafulli consigliera di parità mentre la signora Maria Antonietta Rositani, vittima di violenza, invierà un contributo video poiché impossibilitata a presenziare. Modererà Elisabetta Reale

«L’obiettivo – sottolinea Maria Andaloro, promotrice di Posto Occupato – è quello di far emergere le criticità che ogni giorno impattano sul lavoro che passa dalla prevenzione alla presa in carico della vittima e stilare un documento comune».

Nei Comuni di Messina, Barcellona, Capo d’Orlando, San Piero Patti, Villafranca, Furci, Taormina sarà inoltre esposta, all’ingresso della casa comunale, una tavola della mostra “Violate”, illustrazioni donate da Lelio Bonaccorso alla campagna Posto occupato nel 2013. Si tratta dei Comuni nei quali è presente un Centro Antiviolenza o una associazione che si occupa di contrasto alla violenza sulle donne.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro