Messina, a Castell'Umberto il Palio di San Martino | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Messina

Il 10 e l'11 novembre

Messina, a Castell’Umberto il Palio di San Martino | IL PROGRAMMA

9 Novembre 2018

Cari Watson, la vostra Patti Holmes vi conduce ad un Palio. No, non siamo diretti in Toscana, ma a Castell’Umberto, in provincia di Messina, nella nostra magica Sicilia che non finisce mai di stupirci, per l’XI Edizione Palio di San Martino, che si svolge il 10 e l’ 11 novembre.

Prima di tuffarci in questo suggestivo evento, penetriamo nel tessuto di questo piccolo paese, tra Cefalù e Messina, incastonato sulle morbide colline dei Monti Nebrodi, che tanto ha da raccontarci. Ogni ipotesi, intorno l’origine del paese, porta con se la spiegazione del nome “Castania”, dal leggendario “Castrum Aeneae”, al “qua-istemi” o al latino “casta-nea”, o all’arabo “Quastània”, ma, l’origine del nome che sembra più probabile, è legata alla presenza sul nostro territorio di castagneti (Castanea sativa) da qui il toponimo “Castanea” e, quindi, “Castania”.

Ruderi castello Castell'Umberto

Siete pronti a fare un viaggio nel “Continente Sicilia” che, per la sua varietà, vastità e ricchezza di orizzonti, può essere definita tale? Ad essere abbagliati dai grandiosi e riarsi panorami “gattopardeschi” e, dopo un attimo, incantati dai boschi e dai laghi, inebriati dall’odore di tiglio, lavanda, timo, origano, rosmarino, alloro, finocchio selvatico, di mirto, di fragranti agrumi, di cangianti uliveti, di vigne, di rigogliosi noccioleti, magico scenario dei dei Monti Nebrodi?

Castell’Umberto, che è la nostra meta, si caratterizza, inoltre, per il forte connubio mare-monte e, infatti, è un palcoscenico da cui ammirare a sud-ovest la valle del Fitalia, a nord le sette isole dell’Arcipelago Eoliano e a sud-est l’imponente cono dell’Etna. Originariamente chiamato Castania, il centro abitato, con Regio Decreto datato 8 giugno 1865, trasferito in una località distante pochi chilometri dall’originaria collocazione, divenne Castell’Umberto in onore del principe Umberto I.

locandina-palio

Il Palio di San Martino

Scoprirete grazie a questo evento un centro storico poco conosciuto, un angolo di Sicilia che profuma di passato: vecchie case in pietra arenaria e scorci fioriti; i ruderi del castello di epoca bizantina con la sua torre; la chiesa di Santa Barbara e quella di San Vincenzo; U Chianu a vucciria, luogo che si poneva come punto nevralgico della vita sociale e politica dei castanesi, costruito all’epoca dei Normanni e che si affaccia sulla valle del Fitalia. Il Palio di San Martino è famoso per la “corsa delle botti” che le squadre partecipanti fanno rotolare, attraverso un circuito a gincana, fino a condurle al traguardo nel minor tempo possibile. La competizione si svolge in due tappe, in cui la prima serve a stabilire l’ordine di partenza della seconda. Ovviamente all’aspetto ludico si unisce quello gastronomico con la degustazione dei prodotti tipici come i maccheroni con il sugo di maiale e i frittuli, piatto povero ottenuto dall’uso delle parti di scarto, testa, zampe, cuore e cotenne, del suino.

 

PROGRAMMA

Sabato 10 novembre

Alle 17
Apertura Stand

Domenica 11 novembre

Alle 11
Apertura Stand

Alle 12
Spettacolo di artisti di strada e musiche

Alle 15
Spettacolo di artisti di strada

Alle 15,30
Qualifiche per la Corsa delle Botti

Alle 17,30
Corsa delle Botti

Alle 18
Si balla con il Gruppo “Angelo Daddelli & I Picciotti”

Altro che Siena, per il Palio andate a Castell’Umberto, non ve ne pentirete.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.