19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.22
Messina

SIMBOLO DELLA LOTTA ALLA MAFIA

Messina, Accorinti intitola stanza del sindaco a Peppino Impastato

14 Aprile 2018

MESSINA –  Nell’anno in cui ricorre il quarantennale dalla sua morte, si è svolta ieri una giornata dedicata al giornalista ed attivista Peppino Impastato, grande icona della lotta alla mafia, ucciso il 9 Maggio 1978.

Al Palacultura si è tenuto un incontro-dibattito tra 800 studenti, delle scuole medie e superiori, con Giovanni Impastato, fratello di Peppino, alla presenza del sindaco Renato Accorinti e dell’assessore alla Pubblica istruzione, Federico Alagna.

Giovanni ha testimoniato l’impegno della lotta alla mafia di Peppino e spronato gli studenti a rendersi parte attiva per il cambiamento sociale, ricordando che non c’è bisogno di eroi ma di persone che facciano la loro parte nella società. Diverse le domande degli studenti che hanno affollato il Palacultura col desiderio di conoscere in modo più approfondito la figura di Peppino.

Al culmine della mattinata ci si è spostati al Municipio dove, alla presenza del Prefetto, del Questore, delle autorità e di molti studenti, si è svolta la cerimonia di intitolazione della Stanza del sindaco di Messina a Peppino Impastato.

Sulla targa in bronzo, raffigurante il volto in bassorilievo di Peppino, realizzato dall’artista messinese Gaetano Mammano, il sindaco Renato Accorinti ha voluto far incidere due delle più famose citazioni di Peppino: “La Mafia è una montagna di Merda” e “Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà”.

targa-peppino-impastato-a-messina-accorinti“Un’altra tappa importante del nostro mandato amministrativo – afferma Accorinti segnato in questi anni da tanti momenti simbolici – due tra tutti il conferimento della cittadinanza onoraria al magistrato Nino Di Matteo e la giornata di Libera, il 21 Marzo 2016 – momenti che sono espressione della direzione politica chiara e netta che abbiamo voluto dare al nostro mandato amministrativo: di rottura definitiva con le logiche clientelari, mafiose e massoniche e di strenua difesa della legalità e dei diritti“.

Peppino Impastato è una icona della lotta alla mafia: ha avuto il coraggio di ribellarsi all’omertà e combattere la Mafia dentro la sua stessa famiglia, in nome dei valori piú grandi della Giustizia e della Verità.

Due momenti importanti quelli di ieri. L’incontro con gli studenti, gli uomini e le donne cittadini di domani: perché la vera lotta alla mafia la fai con loro, tra i banchi di scuola, col cambio culturale. La scuola è laboratorio delle coscienze e dell’anima ed è chiamata a proporre modelli di impegno civile, ideali per i quali può valere la pena vivere.

Il secondo momento importante è stato quello della targa-peppino-impastato-a-messinascopertura della targa. Una scelta fatta, quella della intitolazione della stanza del sindaco di Messina, “non solo per onorare una delle più grandi figure italiane dell’antimafia ma anche perché il nome di Peppino Impastato possa ogni giorno fare da sprone ed essere da monito a chiunque varchi quella soglia”.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.