16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Messina

"Voglio essere giudicato sui fatti"

Messina, Accorinti non si arrende ai sondaggi: “Non mi sento sconfitto”

24 Aprile 2018

Non parto sconfitto, credo nei messinesi e nella loro loro capacità di comprendere che la mia Amministrazione ha fatto cose importanti, che nessuno aveva mai fatto prima”. Non molla Renato Accorinti, il sindaco di Messina, dato dai sondaggi e dalle previsioni politiche con poche chance di riconferma, rilancia la sua sfida e crede che bissare l’impresa di cinque anni fa non sia impossibile.

I numeri, stando al parere degli analisti e degli ambienti politici locali, danno le maggiori chance di arrivare al (probabile) ballottaggio ai candidati Dino Bramanti, Gaetano Sciacca e Cateno De Luca, senza dimenticare anche Antonio Saitta: tuttavia Accorinti vuole giocarsi le sue carte sino in fondo e rilancia la sua sfida per recuperare consensi tra i messinesi.

“Voglio essere giudicato insieme alla mia Amministrazione sulla base dei fatti e non delle chiacchiere – ha detto Accorinti -. Noi non chiediamo voti ma che la gente possa sapere e comprendere realmente cosa e quanto è stato fatto in questi cinque anni di governo della città. Abbiamo attivato i bus notturni, fatto chiarezza sulle partecipate da Atm a Messinambiente e Amam, e abbiamo affrontato in modo serio ed efficace l’emergenza della raccolta rifiuti. Quando mi sono insediato io c’era il 3% di differenziata e ora è arrivata ad un servizio al quale aderiscono ogni giorno oltre 100 mila persone. E puntiamo a conferire sempre meno in discarica”.

tremestieri-porto-“Abbiamo avviato i cantieri per il porto di Tremestieri continua Accorinti – e poi abbiamo raggiunto l’accordo, che definirei storico, per il secondo palazzo di giustizia. Potrei citare almeno 100 cose importanti fatte dalla mia Amministrazione ed è su questo che faremo campagna elettorale, non per una raccolta di voti ma per informare i cittadini, che poi potranno fare la loro scelta per il 10 giugno.

Come mai tutte queste cose chi c’era prima di me non le ha fatte? Ho trovato al Comune al disastro totale che adesso è nelle condizioni di poter ripartire. Adesso conosciamo la macchina operativa dell’ente. Vogliamo essere giudicati per i soldi che abbiamo trovato per Messina ed investito sul territorio, per i fondi che abbiamo recupero e per come sono stati correttamente impiegati. Abbiamo posto delle basi importanti e i prossimi 5 anni potrebbero consentire di fare cose che spesso non si fanno nemmeno in 15 anni”. 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.