19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.43
Messina

Ecco il primo candidato sindaco

Messina, amministrative 2018. De Luca “sgancia” le prime bombe e il tribunale dissequestra l’albergo della discordia

28 Luglio 2017

Aspettando la discesa in campo dei big, a Messina il primo candidato sindaco per le Amministrative del 2018 è già in azione e non ha intenzione di perdere tempo.

Cateno De Luca, l’ex sindaco di Santa Teresa di Riva, presenterà infatti sabato mattina i primi dieci punti del suo programma per la candidatura a sindaco di Messina, e l’avvio della propria campagna elettorale è già emblematica: “Le prime dieci bombe per salvare Messina dai Francazzisti e dai parassiti politici“.

Questo lo slogan scelto dal leader di Sicilia Vera ed ex deputato regionale, che punta ad intercettare soprattutto il voto di protesta dei messinesi.

Il mio programma – ha spiegato De Luca – prevede la lotta contro gli sprechi cercando di risparmiare nei conti del Comune, delle partecipate e delle circoscrizioni”, che propone poi una “Messina rifiuti zero“, “Messina senza sprechi“, “Messina senza buche“, “Messina per i turisti” e “Messina per gli investimenti“.

Per l’elaborazione del proprio programma elettorale, De Luca intende avvalersi anche dei contributi dei cittadini, i quali – attraverso la campagna #condelucaancheiodicolamia – avranno l’opportunità di presentare proposte per Messina. Nei prossimi 30 giorni saranno inoltre costituiti 10 dei 500 comitati previsti a sostegno della candidatura a sindaco di De Luca che verranno creati in ogni zona della città e inizierà il tour di “Scateno” per i quartieri cittadini.

Penso a quel 23 marzo 2003 quando non ero neanche sindaco di Fiumedinisi – continua De Luca – e basterebbe tornare a quel momento, per comprendere le motivazioni che spingono una persona ad investire 3 milioni di euro a Fiumedinisi cioè ad investire tutto il frutto di 20 anni di lavoro, sacrifici, rinunce, rischi e di mutui pagati inutilmente da oltre dieci anni per un immobile che avrebbe generato almeno 20 posti di lavoro ed un indotto incalcolabile. Oggi non ho avuto più lacrime per piangere di gioia perché in questi sei anni ne ho versaste troppe per la disperazione e per le ingiustizie subite“.

De Luca richiama con queste parole la vicenda giudiziaria della costruzione a suo tempo avviata a Fiumedinisi, paese nel quale fu sindaco, di una struttura ricettiva, un presunto abuso sul quale scattò l’arresto nel 2011 dell’allora deputato e sul quale ora c’è stata una svolta.

Hanno bussato alla mia porta. Chi era? Mi hanno risposto “Siamo della Polizia Giudiziaria”. Siamo al secondo arresto? “No onorevole“, mi hanno risposto. “Siamo venuti a dissequestrare il suo immobile destinato ad albergo con centro benessere che era stato sequestrato il 27 giugno 2011“.

Quindi non devo più demolirlo e posso riprendere i lavori per completarlo? La risposta è sì. Il Tribunale così ha disposto. Lì ci sono tutti i sacrifici lavorativi della mia vita investiti per creare lavoro e che fino adesso erano stati solo fonte dei miei guai giudiziari. Ringrazio Dio. Giustizia è fatta? Io preferisco non esprimermi, lo faccia la gente al mio posto”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.