14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.49
Messina

"non si accompagni ai Genovese di turno"

Messina. Amministrative, De Luca a Bramanti: “Serve gente che sappia governare e non consorterie”

31 Marzo 2018

Cateno De Luca, candidato sindaco a Messina, chiude all’offerta di collaborazione del suo rivale alle Amministrative, Placido Bramanti. Quest’ultimo, lanciato dal presidente della Regione, Nello Musumeci, ha dichiarato oggi di volere aprire un dialogo con Renato Accorinti, numero uno di Palazzo Zanca, e De Luca.

Il deputato regionale, però, rispedisce l’invito al mittente con un “No, grazie“. “Ringrazio Bramanti per le parole che ha avuto stamattina nei miei confronti – dice – ma credo in tutta onestà che Messina abbia bisogno di un cambiamento radicale ed una ventata di sana gioventù. Il mio rivale sarà certamente un genio nel suo campo, ma per affrontare i problemi di Palazzo Zanca serve un genio dell’amministrazione pubblica e della gestione delle comunità. Ad ognuno il suo mestiere“.

“Con altrettanta onestà non posso però non ricordare a Bramanti, e a tutti i messinesi, un punto fondamentale del mio programma: io intendo governare Messina senza nascondermi sotto la gonna puzzolente delle lobby e delle consorterie che hanno rubato i sogni ad intere generazioni mentre altri, a partire proprio da Bramanti, si sono fatti battezzare da questi ambientacci ed ora non hanno neanche il coraggio di farli stare al proprio fianco perché vorrebbero ammantarsi di una verginità mai avuta. A Messina non servono ammaliatori e incantatori di serpenti, ancorché rivestiti di perbenismo”.

“Non posso che augurare a Bramanti una serena Pasqua, dubitando che possa portargli una vera redenzione ma nella speranza che almeno in questi giorni non si accompagni ai Genovese di turno con i quali vorrebbe costruire le fantomatiche dieci liste che a spalla lo dovrebbero portare a Palazzo Zanca.
Non si affanni – conclude De Luca – i messinesi sono stufi dei giochetti e sapranno fare una scelta libera, liberandosi di chi rappresenta solo il peggiore passato”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.